spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elezioni, a Bagno a Ripoli Sonia Redini incassa il sostegno di Europa Verde e Rifondazione comunista

    La candidata sindaco di Cittadinanza Attiva, dopo la "spinta" del M5S (che avrà una propria lista) riceve l'appoggio anche da altre due realtà politiche

    BAGNO A RIPOLI – Si amplia la base d’appoggio per la candidata sindaco di Cittadinanza Attiva a Bagno a Ripoli, Sonia Redini.

    Dopo il sostegno del MoVimento 5 Stelle, che presenterà comunque una sua lista (in appoggio a Redini) altre due realtà politiche hanno annunciato impegno e sostegno alla candidata.

    Stiamo parlando di Europa Verde-Verdi Toscana e Partito della Rifondazione Comunista.

    QUI… RIFONDAZIONE COMUNISTA

    “Intendiamo esternare il nostro apprezzamento – inizia la riflessione del Prc ripolese (e di Impruneta) – a chi in questi anni ha portato all’interno del consiglio comunale il concetto di mettersi al servizio, di mettersi a disposizione proprio di quel popolo o per meglio dire, con un termine più attuale, degli abitanti che formano nel loro insieme la nostra comunità”.

    “Rifondazione Comunista – proseguono – presentandosi alle prossime elezioni comunali in appoggio alla candidatura a sindaca di Sonia Redini intende per il bene del territorio far crescere tutte quelle forze che individuano in chi ha governato negli ultimi anni il nostro comune, il cosiddetto centro sinistra, una propensione alle politiche neoliberiste cioè a favore di pochi a scapito dell’interesse dei molti. Basti pensare allo sfruttamento del territorio, all’adesione alla Multiutility e a tante altre”.

    “C’è bisogno di una svolta – rilanciano – c’è bisogno di una classe politica attenta alla partecipazione popolare, c’è bisogno di definire un “paniere” di servizi: assistenza sociale, integrazione al reddito, diritto allo studio, servizi all’infanzia, contributi all’affitto, non autosufficienza, servizi agli anziani, trasporto pubblico locale, sui quali non si possano operare tagli di bilancio senza obbligatorie verifiche delle condizioni sociali del territorio e sulla presenza di disagio sociale”.

    “Il lavoro svolto dalla consigliera Sonia Redini in questi anni – aggiungono ancora – ispirato a temi quali il contrasto alle disuguaglianze, lo sviluppo equilibrato del territorio e non ultimo l’attenzione ai processi democratici e alla partecipazione, riconsegnando al suo ruolo primario l’attività politica e la centralità delle istituzioni non può che essere condiviso e fatto proprio”.

    “Per questo – annunciano – convintamene Rifondazione Comunista sostiene questa candidatura. Certi di un percorso che assieme ci porterà ad affrontare anche altri temi che purtroppo stanno diventando delle vere e proprie emergenze, innanzitutto la pace con la cessazione di tutte le guerre, il salario minimo comunale anche negli appalti, proteggere la nostra Costituzione dai continui attacchi fatti dal centrodestra portando avanti i valori della resistenza: libertà, giustizia sociale e solidarietà”.

    “Un’ultima considerazione riguarda il nostro modo di operare e di intendere la vita politica – concludono – Non ci può essere vera democrazia se non attraverso il metodo partecipativo. Per fare questo non sono sufficienti i buoni propositi se non sono accompagnati dall’ascolto e dalla partecipazione delle persone. Per questo chiediamo a tutti di essere di stimolo condividendo questo percorso con la presenza, suggerimenti, istanze e anche critiche per fare si che questo comune ritorni a essere la Bagno a Ripoli di tutti e per tutti.

    QUI EUROPA VERDE-VERDI TOSCANA

    Anche Europa Verde – Verdi Toscana annuncia ufficialmente il proprio “sostegno a Sonia Redini nella corsa alla guida del comune di Bagno a Ripoli”.

    Il partito “critica aspramente l’operato della precedente amministrazione comunale, accusata di non aver saputo preservare l’identità e la naturale bellezza di Bagno a Ripoli, cedendo invece al consumo indiscriminato del suolo. Tale approccio è diametralmente opposto a quanto raccomandato da enti di rilievo come l’ISPRA e le direttive del Piano di indirizzo Territoriale (PIT) regionale, che mirano alla tutela di territori di elevato valore come quello di Bagno a Ripoli”.

    “Siamo pienamente al fianco di Sonia Redini – dice Eros Tetti, portavoce regionale di Europa Verde – Verdi Toscana – che incarna e promuove i nostri valori fondamentali legati alla tutela ambientale e paesaggistica. In un’epoca in cui la salvaguardia dell’ambiente diventa sempre più cruciale per il benessere delle generazioni future, Bagno a Ripoli merita una guida capace di onorare e proteggere il suo patrimonio unico. Io, personalmente, amo profondamente questo territorio e, insieme a Matilde Bartolini, nostra portavoce, ci impegniamo a costruire un gruppo locale solido, che possa ristabilire un rapporto equilibrato con la città di Firenze, prevenendo la trasformazione di Bagno a Ripoli in una mera zona residenziale per pendolari”.

    “Il nostro impegno – fa eco Matilde Bartolini, responsabile di Europa Verde – Verdi a Bagno a Ripoli – è volto a creare un futuro sostenibile per Bagno a Ripoli, coinvolgendo attivamente i giovani del territorio che sono determinati a combattere la crisi climatica. Vogliamo promuovere una visione che abbracci la giustizia sociale e ambientale, senza trascurare la tutela dei diritti animali. Governando, ci dedicheremo allo sviluppo di un programma ambizioso che risponda a queste esigenze”.

    “Concludiamo – aggiungono da Europa Verde – Verdi Toscana – ribadendo che il vero impegno per la salvaguardia dell’ambiente si trova nella storia e nell’azione di chi, come noi, si è sempre battuto in questa direzione. Invitiamo chiunque condivida questa missione a unirsi a noi, piuttosto che disperdere energie in iniziative elettorali effimere, create solo in vista delle prossime elezioni”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...