spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mostra mercato nelle sale di Villa al Bosco, sulle colline di Grassina: dal 6 all’8 dicembre

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Si chiama "Gli Elfi di Babbo Natale" la manifestazione organizzata in collaborazione con Cna Firenze e il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, che si svolgerà venerdì 6 (17-20), sabato 7 e domenica 8 dicembre (10-19.30) presso Villa Il Bosco, via di Colline 9 a Grassina.

     

    Si tratta di  una mostra mercato artigianale con la partecipazione di Babbo Natale. Ad esporre e vendere, nei salotti della villa, una ventina di artigiani del territorio e l'associazione Calcit Onlus.

     

    Inoltre all'interno della mostra ci saranno: corsi di cake design due volte al giorno; dimostrazioni di arte floreale sul Natale. E per i  bambini sabato e domenica un Babbo Natale in carne e ossa che accoglierà le loro letterine.

     

    L'evento vuole rappresentare una concreta occasione per gli artigiani, i designer ed i creativi di poter incontrare direttamente un pubblico sempre più appasionato ed interessato.
     
    Si potrà trovare dai giochi in legno per bambini, ai cappelli, agli accessori, ai bijoux, alle ceramiche, i libri e tanto altro. Impossibile non trovare il regalo giusto.
     
    I bambini non solo parleranno con Babbo Natale e gli consegneranno la propria letterina, ma potranno anche assistere ed essere aiutati a realizzare con le proprie mani un piccolo oggetto di ceramica, grazie alla partecipazione della scuola di ceramica.
     
    Per chi lo desidera sarà presente un fotografo pronto a immortalare i più piccoli con Babbo Natale.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...