spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Emanuela Loi: sindaco di Bagno a Ripoli e questore di Firenze depongono una corona in memoria

    Davanti alla targa nel Largo a lei dedicato nel comune ripolese: Emanuela faceva parte della scorta che rimase uccisa insieme al giudice Paolo Borsellino

    BAGNO A RIPOLI – La polizia di Stato e la polizia locale del Comune di Bagno a Ripoli uniti nel ricordo di Emanuela Loi, agente della polizia di Stato, Medaglia d’oro al Valor Civile.

    A 29 anni dalla strage di via d’Amelio resta vivido il ricordo del giudice Paolo Borsellino e dei suoi angeli custodi della polizia di Stato, impegnati giorno e notte nella sua scorta.

    Oggi, alle.17.45, uniti dal ricordo e dalla volontà di ricordare, il questore di Firenze Filippo Santarelli e il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini si sono ritrovati in un momento di raccoglimento davanti alla targa posta due anni fa in Largo Emanuela Loi, a Bagno a Ripoli, dove hanno deposto dei fiori in memoria di Emanuela.

    “Emanuela Loi – queste le parole del questore Santarelli nel deporre, con sentita commozione, i fiori – agente della polizia di Stato e Medaglia d’Oro al Valor Civile, rappresenta il simbolo indelebile, insieme a Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Fabio Li Muli e Claudio Traina, della lotta alla mafia”.

    “Una lotta che non ha confini territoriali – ha rimarcato – e che resta una priorità assoluta nella società, perché la Legalità sia impegno e guida di tutti coloro che rivestono una funzione pubblica così come di ogni cittadino”.

    “Ringrazio il questore Santarelli – ha preso la parola il sindaco, Francesco Casini – che in questa giornata ha voluto essere presente qui a Bagno a Ripoli, davanti alla targa in ricordo di Emanuela Loi, prima agente della polizia di Stato a perdere la vita in servizio”.

    “Con questi fiori – ha proseguito il sindaco – vogliamo onorare simbolicamente il sacrificio di tutti i servitori dello Stato impegnati nella lotta contro le mafie”.

    “Giorno dopo giorno – ha concluso – ci impegniamo a portare avanti la cultura della legalità, a partire dal nostro lavoro sul territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...