spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coronavirus e solidarietà: ancora donazioni al Comune di guanti e mascherine

    2mila mascherine da Scervino, camici e cuffie; uova pasquali a medici e infermieri (e creme per le mani)

    BAGNO A RIPOLI – La solidarietà non si ferma a Bagno a Ripoli. Proseguono le donazioni al Comune di guanti e mascherine da parte di aziende, associazioni e singoli cittadini per aiutare gli operatori dei servizi essenziali a fronteggiare l'emergenza Coronavirus.

     

    E si moltiplicano le iniziative benefiche dei singoli cittadini: il “cioccolataio” dona le uova di Pasqua ai medici e agli infermieri in prima linea e l’imprenditrice regala creme per le mani al personale sanitario.

     

    Nelle ultime ore, all'elenco della generosità con le donazioni all’amministrazione comunale si è aggiunta quella di oltre 2.000 mascherine, cuffie e camici da parte di Scervino, tra le maggiori maison di moda in Italia con sede a Capannuccia.

     

    L’azienda, in questa fase di emergenza, ha infatti chiesto alle sue sarte di mettersi all'opera per realizzare dispositivi di sicurezza indirizzati al personale medico e sanitario di tutta la regione.

     

    Allo stesso modo, anche il Centro Estetico Raban ha donato all'amministrazione comunale trecento guanti e 100 cuffie, altre 200 mascherine sono state donate dall'imprenditore grassinese Emanuele Sollazzini corredate da un disegno del figlio Diego.

     

    Ieri mattina è arrivata la prima parte della fornitura di dispositivi di sicurezza messa a disposizione dall'imprenditore ripolese Marco Morelli tramite l'azienda di famiglia Mmmar Srl: seimila guanti a cui seguiranno altrettante mascherine di protezione.

     

    L'imprenditore ripolese Simone Neri, che ha deciso di riconvertire la sua azienda tessile con sede a Prato per produrre dispositivi di sicurezza, ha già consegnato al Comune 320 mascherine per una fornitura che nei prossimi giorni toccherà i 1.500 pezzi.

     

    E proseguono le iniziative benefiche promosse dai singoli cittadini. Particolarmente “dolce” la generosità della cioccolateria Vitali di Bagno a Ripoli che ha deciso di donare ai medici e agli infermieri dell’ospedale Santa Maria Annunziata impegnati nei reparti di Medicina, Rianimazione, Malattie infettive e Pronto soccorso circa ciquecento “ovetti” di cioccolata preparati in vista della Pasqua. La consegna sarà effettuata nei prossimi giorni.

     

     

    Mentre l’imprenditrice ripolese Ivana Aglietti in collaborazione con l’azienda di cosmesi Idee Toscana donerà agli operatori sanitari dell’Osma quasi 450 confezioni di crema idratante per le mani, per lenire le irritazioni dovute all’uso prolungato dei guanti e dai frequenti lavaggi. Anche in questo caso la consegna sarà effettuata nei prossimi giorni.

     

    “Voglio ringraziare davvero di cuore tutti i nostri donatori da parte di tutti i cittadini di Bagno a Ripoli. È una gara di solidarietà che ci riempie di orgoglio e ci commuove – dice il sindaco Francesco Casini – è la conferma che apparteniamo a una comunità unita, forte e compatta, sempre in prima linea nei momenti di difficoltà. Ovunque c'è carenza di dispositivi di sicurezza e il materiale donato ci consente di supportare molte attività del territorio che in questo modo possono restare aperte per garantire i servizi essenziali alla popolazione. Grazie mille a tutti. Molto è stato fatto ma molto altro serve ancora, per cui mi raccomando: non smettiamo di donare!”.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...