spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Essere pensante”: la grassinese Margherita Meli e il suo primo libro, scritto a soli 15 anni

    Lo ha pubblicato oggi, quando di anni ne ha 17: "Volevo cercare di trasmettere i miei pensieri, tutto quello che è il mio mondo attraverso una storia"

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – La grassinese Margherita Meli ha scritto in sei mesi il suo primo libro, “Essere pensante”, quando aveva quindici anni. E lo ha pubblicato in questi giorni, quando di anni ne ha diciassette.

    La contattiamo per conoscerla, ci racconta di se e di quando si è appassionata alla scrittura: praticamente da sempre, ci dice.

    “Ho impiegato due anni per completare il tutto – spiega – avvalendomi anche dell’aiuto di un editor per le correzioni, perché poi di mezzo c’è stata la pandemia che ha rallentato il tutto”.

    E’ un piacere ascoltarla, esprimersi con precisione e serenità ricordando quante potenzialità i giovani abbiano da far emergere: “Sentivo la necessità di scrivere, e so che questo può sembrare strano, sicuramente avrà contribuito la mia passione per la lettura che ho da sempre”.

    “Il mio desiderio – ci confida – era quello di scrivere un libro proprio come quelli che leggevo, senza ancora avere idea su che tipo di storia avrei potuto raccontare”.

    Poi ci dice che è partito tutto dal titolo: ““Essere pensante” è la parola con cui sono stata definita da una mia insegnante, nel senso ampio del termine e riferita alla capacità di pensare. Riconosco che è stato un percorso insolito, partire dal titolo per poi sviluppare la trama. Mi spaventava l’idea di scrivere qualcosa che non avesse un nome, come se non avesse una identità”.

    “Volevo cercare di trasmettere i miei pensieri – riprende – tutto quello che è il mio mondo, attraverso una storia. Arricchendola anche di una parte misteriosa che pensavo l’avrebbe resa più intrigante, incuriosendo il lettore e spingendolo ad andare avanti”.

    Margherita frequenta il quarto anno del Liceo Linguistico all’Istituto Superiore Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli, e dopo la maturità vorrebbe intraprendere forse Lettere moderne. O, comunque, continuare con studi umanistici.

    Questa prima esperienza, ci dice, ha alimentato la sua voglia: “Ho iniziato, anzi ho continuato, a scrivere altre cose anche dopo aver terminato il libro, solo durante la pandemia ho fortemente rallentato. All’inizio pensavo che forse avrei potuto sfruttare il tempo dedicandomi alla scrittura, visto che sarei stata a casa ventiquattro ore su ventiquattro”.

    “Invece – spiega – non è stato così. Emotivamente non mi sentivo né in vena di leggere né tanto meno di scrivere. Non l’ho vissuto bene quel tempo, né la situazione: gli stimoli che mi arrivavano con il contatto con gli amici e con le persone mancavano totalmente”.

    “Io prendo ispirazione da ciò che vedo all’esterno – conclude – a volte anche da un semplice dettaglio banale, sul quale poi fantastico e immagino. Stare in casa ha cancellato tutto questo”.

    Intanto però un primo traguardo importante è arrivato. Un traguardo che può diventare un trampolino.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...