spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via l’amianto dalle case popolari di Sorgane e Grassina, un lavoro da 190 mila euro

    Il Comune ottiene un finanziamento regionale per risanare due immobili in via De Nicola e in via Dante Alighieri

    BAGNO A RIPOLI – Quasi 190 mila euro per  la riqualificazione delle case popolari. I fondi che arriveranno al Comune di Bagno a Ripoli sono garantiti dall'approvazione da parte della Regione Toscana dei programmi di investimento delle risorse dei Comuni dell'area fiorentina per l'anno 2015.

    Grazie a questo finanziamento, il Comune potrà effettuare la completa sostituzione delle coperture contenenti cemento amianto ancora presenti negli alloggi di edilizia popolare, realizzando così il duplice obiettivo di qualità sociale e ambientale.

    La rimozione del manto di copertura in eternit e la contestuale riqualificazione energetica della copertura riguarderà due immobili, uno in via Enrico De Nicola a Sorgane e uno in via Dante Alighieri a Grassina.

    “Una nuova piccola ma significativa iniezione di risorse – hanno dichiarato il sindaco Francesco Casini e l'assessora alle politiche sociali Ilaria Belli -, resasi disponibile grazie alla collaborazione e al coordinamento dei Comuni dell'area fiorentina. Con circa 190 mila euro potremo presto riqualificare e mettere in sicurezza due immobili di edilizia popolare, risanandoli dal rischio delle polveri di eternit: miglioreranno così la qualità della salute e dell'ambiente non solo negli appartamenti interessati dall'intervento, ma in tutto il territorio”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...