spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato e domenica al Parco di Mondeggi: anche con il “Tiro al piattello laser”

    BAGNO A RIPOLI –  La Federcaccia Toscana, sezione comunale Bagno a Ripoli Ovest, con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, organizza la quarta "Festa del Colombaccio", che si svolgerà sabato 29 e domenica 30 giugno nell'area del Parco Mondeggi, a Capannuccia.

     

    Sabato 29 giugno alle 9 inaugurazione festa; alle 10 apertura attrazione "Tiro al piattello Laser" con fucili veri, ma senza cartucce; a seguire esposizione e prove libere di piccioni volantini, colombacci e ibridi; alle 12.30 apertura stand gastronomico; alle 16 incontro dibattito "Tecniche di caccia al colombaccio e attrezzature varie"; alle 18 dimostrazione cinofila cani da riporto Springer-spaniel; alle 19.30 stand gastronomico.

     

    Domenica 30 giugno alle 8.30 inizio gare volantini da palco e da campo; a seguire cimbello e miglior soggetto 1° Memorial Mariani Mario (iscrizioni sul campo gara); alle 10 apertura attrazione “Tiro al piattello Laser"; alle 11.30 esibizione canora di Graziano Manganelli, campione europeo fischiatori; alle 12.30 apertura stand gastronomico con specialità tipiche del Club del Colombaccio di Amelia; a seguire rievocazione storica delle “Paielle”, antica tecnica per la cattura del colombaccio; a seguire premiazione gare volantini e assegnazione del primo Memorial Mariani Mario; alle 20 cena tipica.

     

    Durante tutta la festa saranno attivi: stand gastronomico per il pranzo e per la cena, videogames per la simulazione della caccia, stand del Club Colombaccio, stand delle associazioni venatorie, stand abbigliamento caccia. Informazioni: 329 2033757 Walter Piccioli; 328 7604548 Stefano Giannini; 331 3795712 Silvio Picchi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...