spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa della Repubblica, il palazzo comunale di Bagno a Ripoli si tinge col tricolore

    L'invito del sindaco Francesco Casini alla cittadinanza: "Bandiere italiane alle finestre, simbolo di impegno comune per una nuova rinascita"

    BAGNO A RIPOLI – Il palazzo comunale di Bagno a Ripoli e le piazze del territorio “vestiti” con il tricolore.

    E un invito alla popolazione ad esporre alla finestra la bandiera italiana, come simbolo dell’impegno comune per una nuova rinascita.

    E poi, la consegna delle Costituzioni ai neo-diciottenni e una iniziativa online dedicata ai temi della democrazia.

    Così Bagno a Ripoli si appresta a festeggiare il 75esimo anniversario della nascita della Repubblica Italiana, il prossimo 2 Giugno.

    “Il 2 Giugno di 75 anni fa – dichiara il sindaco Francesco Casini – segnò per il nostro Paese un nuovo inizio, dopo le pagine più buie e dolorose della dittatura e della guerra. L’Italia scelse di rinascere, unita e unificata, come Repubblica democratica, diventando una nuova casa per i valori di giustizia, libertà e pace”.

    “Dal 1946 – prosegue il sindaco – sono state molteplici le prove che la nostra Repubblica è stata chiamata a superare, solo da ultima la pandemia con cui facciamo tristemente i conti da oltre un anno. L’augurio è che anche questo 2 Giugno possa costituire una nuova ripartenza, un nuovo inizio dopo questi mesi terribili, ribadendo i valori fondanti del nostro stare insieme: solo così si affrontano e si superano gli ostacoli più grandi”.

    “Il tricolore – conclude Casini – è il simbolo per eccellenza dell’Italia unita, dell’Italia che unendo le proprie forze reagisce alle avversità, ed è per questo che rivolgo un appello a tutti i cittadini ad esporre la bandiera italiana alle proprie finestre. Un segno di festa, un messaggio di fiducia verso il futuro e il simbolo dell’impegno comune a costruire un domani migliore, rinascendo dopo il virus”.

    Piazza Peruzzi, all’Antella, anch’essa illuminata a festa per il 2 giugno

    Prosegue intanto la consegna delle Costituzioni ai neo-diciottenni del territorio per promuovere la partecipazione dei giovani alla vita del Comune e per dare ai nuovi maggiorenni il benvenuto nella comunità dei diritti e dei doveri.

    Grazie ai consiglieri comunali e ai volontari  dell’Anpi, ideatori dell’iniziativa, finora ne sono state recapitate circa 150 copie su un totale di circa 300 nuovi maggiorenni nati nel 2002 (poi sarà la volta dei nati nel 2003).

    Alle consegne “casa per casa” si sono affiancate quelle avvenute presso l’Istituto superiore Gobetti-Volta, che proseguiranno nei prossimi giorni. Nell’ambito delle iniziative per il 2 Giugno promosse e organizzate dall’amministrazione è compresa infine la conferenza online dedicata alla Costituzione, in programma martedì 8 giugno alle 18 sulla piattaforma GoToMeeting e trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del Comune

    I neo-diciottenni di Bagno a Ripoli possono richiedere il link di accesso e prendere parte attivamente all’incontro online scrivendo all’indirizzo e-mail sindaco@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    Chi non potrà partecipare in prima persona, potrà seguire l’iniziativa sui canali social del Comune.

    Accanto ai ragazzi due relatori d’eccezione: il direttore dell’Istituto Storico della Resistenza Matteo Mazzoni ed il professor Carlo Fusaro. Sarà un’occasione preziosa per approfondire i temi legati alla legge fondamentale che sancisce i diritti e i doveri di ogni cittadino, e per tramandarne i valori alle nuove generazioni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua