spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Firmato accordo per Pineider, la Regione: “Evitato impatto immediato dei licenziamenti”

    "Continueremo a vigilare attentamente - afferma il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini - affinché Pineider resti fortemente collegata e radicata sul territorio"

    BAGNO A RIPOLI – Firmato l’accordo tra azienda e sindacati per la vertenza Pineider, marchio storico fiorentino (lo stabilimento ha sede a Vallina, Bagno a Ripoli), su cui da oltre un mese era stato aperto un tavolo in Regione Toscana.

    La proprietà conferma la procedura di licenziamento collettiva con nove esuberi tra i trentacinque lavoratori dell’azienda (23 sono impiegati nello stabilimento di Bagno a Ripoli, gli altri nel negozio in piazza Rucellai a Firenze), ma si rende disponibile all’utilizzo di più strumenti per mitigarne l’impatto sociale.

    Dall’utilizzo degli ammortizzatori sociali (dodici mesi di contratto di solidarietà che partiranno il 6 giugno) alla ricerca ed individuazione, tramite un advisor, di aziende interessate all’assunzione di lavoratrici e lavoratori in esubero e il proseguo delle attività di pregio che l’azienda intende dismettere, dagli incentivi all’esodo alla dota di ricollocazione di 10 mila euro a lavoratore e il supporto, tramite un’azienda specializzata, per la ricerca di un nuovo impiego. 

     “Questa partita per noi non finisce qui – commentano il consiglierere del presidente Eugenio Giani per le crisi aziendali, Valerio Fabiani, e l’assessora del Comune di Firenze Benedetta Albanerse  – Monitoreremo come la situazione si evolverà nei prossimi anni e ci saremo ancora, a disposizione con tutti gli strumenti che le istituzioni possono mettere in campo”.

    “Valorizziamo oggi – sottolineano – il passo in avanti comunque fatto e cerchiamo di farne uno ulteriore nei prossimi mesi”.  

    Subito dopo Fabiani e Albanese hanno incontrato i lavoratori oggetto di esubero: assieme a Chiara Liberati della Filcams, Laura Scalia della Cgil Chianti e Stefano Nidiaci della rappresentanza sindacale, assieme al sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini e ad Alberto Cristianini per la Città metropolitana. 

    Alla firma dell’accordo, che ha ricevuto il via libera dei lavoratori, a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione, c’era per l’azienda Giuseppe Rossi, assistito dall’avvocato Orso Giacone, e Paola Fabbrini per Confindustria Firenze. 

    “È stato chiuso un accordo che, viste le criticità iniziali, lenisce al massimo gli effetti della procedura di licenziamento, con l’attivazione degli ammortizzatori sociali e soprattutto con la costruzione di un percorso per la ricerca di nuovo impiego per i lavoratori in uscita, in cui tutte le parti, inclusa l’azienda, sono coinvolte” afferma il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini.

    “Continueremo a vigilare attentamente – promette – affinché Pineider resti fortemente collegata e radicata sul territorio, e per garantire la tutela dei lavoratori in azienda. Ci rendiamo disponibili nei confronti dell’azienda per aprire una riflessione sulle opportunità di rafforzamento e crescita offerte anche dai nuovi strumenti urbanistici di cui il Comune sta per dotarsi”.

    “Le istituzioni e il sindacato – dichiarano Chiara Liberati di Filcams Cgil Firenze e Laura Scalia di Cgil Chianti – hanno richiamato spesso l’azienda alla sua responsabilità d’impresa, stigmatizzando la scelta di dismettere professionalità storiche artigianali prettamente fiorentine: auspichiamo che queste trovino chi le sappia valorizzare e apprezzare”.

    “Siamo chiaramente ancora amareggiate – concludono – per la volontà di Pineider di dismettere questo suo personale storico e queste competenze; l’accordo siglato vuole sancire il principio che queste professionalità vanno difese e tutelate. Quel che è stato ottenuto è frutto della mobilitazione e della dignità di questi lavoratori e lavoratrici, ringraziamo infine le istituzioni per l’impegno profuso. Monitoreremo sul rispetto dell’accordo”,.

    Pineider, dal 1774 una delle eccellenze fiorentine nell’incisoria, nella stampa a rilievo e anche nella pelletteria ed oggettistica, controllata da Rovagnati da cinque anni, aveva comunicato a fine marzo l’intenzione di procedere con nove licenziamenti, con l’intenzione di rivolgersi a fornitori esterni per alcune attività.

    Ad essere interessati gli addetti della stamperia e della logistica. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...