spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autonomie locali: Francesco Casini nuovo presidente della Toscana

    Il sindaco di Bagno a Ripoli eletto al congresso regionale: riceve il testimone da Marco Filippeschi

    BAGNO A RIPOLI – Francesco Casini, sindaco di Bagno a Ripoli, è il nuovo presidente Ali (Autonomie locali italiane) Toscana.

     

    A eleggerlo una platea di amministratori locali ed esponenti del mondo politico nazionale e regionale intervenuti al Congresso regionale di Ali, svoltosi giovedì 20 febbraio a Pisa nella Gipsoteca dell’Università.

     

    “Ringrazio i sindaci della Toscana per la fiducia che mi hanno accordato investendomi di questa grande responsabilità in una fase così cruciale per il futuro delle autonomie locali, della nostra regione e del Paese stesso. E un ringraziamento a Marco Filippeschi, da cui ricevo il testimone, per l’impegno di questi anni alla guida dell’associazione" dice il neo presidente di Ali Toscana Francesco Casini, sindaco di Bagno a Ripoli.

     

    "Dobbiamo metterci subito al lavoro – rimarca – e ripartire, sulla scia di quello che sta facendo anche il presidente Matteo Ricci a livello nazionale, per rilanciare la forza propulsiva dei sindaci, che qui in Toscana da sempre costituiscono una chiave del buongoverno regionale e un presidio per la formazione della classe dirigente locale e nazionale. Occorre riproporre un patto tra gli amministratori toscani, una rete di relazioni, sinergie e comunità di intenti per attivare iniziative riformiste che valorizzino il ruolo degli enti locali con nuove autonomie, libertà d'azione e possibilità, non solo in termini di risorse".

     

    "Un passo necessario – evidenzia Casini – per consentire ai sindaci di svolgere appieno il loro lavoro in favore delle comunità e del bene collettivo, garantire servizi migliori e nuovi investimenti necessari a dare risposte concrete alla cittadinanza”.

     

    "E' stato un congresso con tante presenze significative. Abbiamo rilanciato l’associazione anche in Toscana, sulla spinta che ha dato l’azione di Matteo Ricci e per la scelta d’impegno fatta da tanti nuovi amministratori" ha sottolineato Marco Filippeschi, direttore servizio studi ALI e presidente uscente ALI Toscana, durante il suo intervento.

     

    "Il nostro programma – ha proseguito – è aiutare le amministrazioni a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale, promuovendo il Benessere equo e sostenibile e le Agende locali 2030, con nuovi programmi, progetti e servizi. Così si dà un senso chiaro alla politica locale. Inoltre abbiamo dimostrato di poter affermare valori fondamentali, contro il razzismo e ogni forma di odio, a fianco di Liliana Segre, e di saper difendere la dignità degli amministratori locali, anche di quelli dei piccoli comuni".

     

    Durante il congresso si è svolto anche un vivace confronto fra il presidente nazionale di Ali Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, e il sindaco di Firenze Dario Nardella, che è anche presidente della Città Metropolitana e del Consiglio delle Autonomie Locali toscano.

     

    Sono intervenuti il presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori, il presidente della Comunità Ebraica pisana Maurizio Gabbrielli, il Sottosegretario all’Interno Achille Variati, l’assessore all’ambiente della Regione Toscana Federica Fratoni e il presidente di Leganet Alessandro Broccatelli.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...