spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Fungaioli in sicurezza”, ecco il corso gratuito che si terrà a Bagno a Ripoli

    Lo organizza l'associazione Firenze In Tralice. Le date del corso saranno comunicate ai partecipanti una volta chiuse le iscrizioni (già aperte)

    BAGNO A RIPOLI – “Fungaioli” consapevoli, tornano i corsi gratuiti di educazione ambientale previsti dalla Regione Toscana per la raccolta e il consumo dei funghi epigei, per imparare a riconoscere quelli buoni distinguendoli da quelli nocivi.

    Ad organizzarlo, sul territorio comunale di Bagno a Ripoli, è l’associazione Firenze In Tralice, che ha ufficialmente aperto le adesioni.

    Chi è interessato a partecipare può comunicarlo tramite mail (firenzeintralice@alice.it) oppure contattando il numero telefonico 3336502164.

    Le date del corso saranno comunicate ai partecipanti una volta chiuse le iscrizioni.

    Le lezioni si svolgeranno al circolo “Lo Stivale” di Candeli in tre serate di due ore ciascuna, in seguito alle quali sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza (obbligo di presenza a tutte e tre le lezioni).

    Il corso si svolgerà nel rispetto delle normative Covid ed è obbligatorio il Green Pass. Il corso si svolge con il patrocinio del Comune. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...