giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Spegnete i telefonini, i giochi da tavola protagonisti in Biblioteca

    La grande sfida in programma il 18 gennaio, tra Monopoli, Cluedo, Risiko e molto altro

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Prima regola: spegnere i telefonini. Seconda regola: trascorrere un pomeriggio divertente riscoprendo il piacere di socializzare grazie ai giochi da tavola. La grande sfida, intitolata “Giochi in Biblioteca”, è in programma sabato 18 gennaio alla Biblioteca comunale di Bagno a Ripoli, che organizza l’evento insieme all’associazione Cemea Toscana e in collaborazione con la cooperativa sociale Il Cosmo.

    Dalle 14.30 fino all’ora di cena, adulti e bambini potranno ritrovarsi nello SpazioPiù al piano terra per cimentarsi nei più svariati giochi da tavola: Monopoli, Risiko, Cluedo e molte altre attività che valorizzano i giochi di ruolo e di strategia, favoriscono relazioni e interazioni e stimolano fantasia e intuito.

    “In questa occasione – dice il sindaco Francesco Casini – vale più che mai il principio che l’importante non è vincere ma partecipare. Sarà una giornata ‘smartphon free’, dove genitori e bambini potranno giocare insieme mettendo da parte per un giorno cellulari e giochi elettronici. Un pomeriggio di pausa da tanti strumenti certamente indispensabili ormai per la vita quotidiana ma che spesso rischiano di attenuare contatto e dialogo umano. Una buona occasione per socializzare e divertirsi insieme che se riscuoterà successo ci piacerebbe riproporre”.

    La partecipazione è completamente gratuita e aperta bambini dai 7 anni in su, a ragazzi e adulti. Le attività ludiche saranno accompagnate da occasioni narrative dedicate alla storia dei giochi e dei giocattoli. La Biblioteca comunale è in via di Belmonte 38 in località Ponte a Niccheri. Info: 055 645879.

     

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...