spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grassina, installata la parete in corten lungo il passaggio pedonale del “ponte giardino”: consensi e critiche

    Riproduce lo skyline di un paesaggio urbano arricchito da elementi naturali. In autunno il recupero dello storico murale sulla facciata della Cdp

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Rigenerazione urbana, prosegue la riqualificazione del “ponte giardino” che nel cuore della frazione di Grassina collega piazza Umberto I all’area verde di via Bikila, al parco urbano e alla pista ciclabile lungo l’Ema.

    Dopo l’inaugurazione del passaggio pedonale avvenuta la scorsa primavera, adesso è stata installata dall’amministrazione comunale una controparete in acciaio corten lungo la facciata laterale della casa del popolo.

    “Una sorta di quinta – dicono dal palazzo comunale – costituita da pannelli di diverse dimensioni, che rappresenta uno skyline urbano in lontananza cui si sovrappongono, su piani diversi, elementi della natura quali rami, foglie e uccelli in volo”.

    Che ovviamente, come qualsiasi cosa riguardi l’arte, sta raccogliendo critiche e consensi in paese. 

    “La facciata – prosegue l’amministrazione comunale – riprende nello stile e nell’uso dei materiali la cancellata di ingresso del passaggio pedonale e introduce il tema dei parchi verso cui accompagna chi attraversa il “ponte-giardino” da piazza Umberto I. L’impiego dell’acciaio corten è motivato dalle sue caratteristiche naturali che consentono un facile inserimento ambientale, grazie al colore e alla grana materica e ad una elevata resistenza nel tempo, senza richiedere particolari necessità di manutenzione”.

    Dal Comune per la sua installazione è stato effettuato un investimento di circa 20mila euro.

    “I pannelli – dicono ancora dal Comune – incorniciano lo storico murale realizzato il 25 aprile del 1975 dalla Brigata “Rodolfo Boschi” sulla facciata laterale della casa del popolo: il disegno, oggi bisognoso di manutenzione, sarà restaurato in autunno in accordo con la Cdp”.

    “Nel mese di ottobre – si anticipa – terminata l’attività estiva della pizzeria all’aperto della casa del popolo, si aprirà infine il terzo e ultimo lotto dei lavori a completamento di tutto l’asse pedonale. Con un ulteriore investimento di circa 63mila euro (per i quali il Comune ha ottenuto in larga parte un finanziamento regionale per progetti di rigenerazione urbana) sarà riqualificato il ponte vero e proprio attraverso una nuova pavimentazione, la sostituzione della cancellata, l’installazione di nuovi arredi – sedute, fioriere e segnaletica – e l’installazione dell’impianto di illuminazione a Led”.

    “L’insieme – è la convinzione dell’amministrazione comunale – contribuirà a trasformare il percorso non soltanto in un elemento di collegamento della viabilità pedonale urbana ma in un un vero e proprio “ponte giardino” da vivere oltre che da attraversare”.

    “Interventi – dice l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti – che nel complesso hanno l’obiettivo di potenziare la fruizione del centro abitato di Grassina da parte della cittadinanza e migliorare la vivibilità e la qualità della vita della frazione”.

    “Sarà l’ultimo tassello – fa eco il sindaco Francesco Casini – per la “ricucitura” del centro urbano di Grassina, grazie a un corridoio esteticamente gradevole e funzionale che farà dialogare la piazza centrale, i suoi servizi e le attività commerciali, con la parte retrostante alla casa del popolo, i parchi, la pista ciclabile e i percorsi lungo l’Ema. Obiettivo è portarlo a termine entro la prossima primavera”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...