spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le foto di una nostra lettrice raccontano molto bene cosa sia successo ieri

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Per chi ancora non avesse l'idea di chiamare quel che è successo ieri con il suo nome, alluvione, ecco un paio di foto che una delle nostre lettrici, la grassinese Rosella Rosi, ci ha gentilmente inviato.

     

    Quella dove si vede l'acqua è la visuale che la nostra Rosella aveva ieri mattina dalla sua finestra.

     

    Le altre ritraggono il "post" alluvione, ovvero via Giotto a Grassina. In cui i residenti stanno ovviamente accatastando (anche con un certo ordine considerando le condizioni) i tantissimi oggetti che si sono rovinati per sempre.

     

    "Siamo nella zona che dalla posta di Grassina – spiega Roselli – lungo la via di Tizzano che va verso la nuova Fratellanza Popolare (e poi verso Scolivigne, n.d.r.)".

     

    "Praticamente – evidenzia – in tutte le strade interne fra le palazzine, i fossi nei campi incolti che scendono da Lappeggi e dalla località La Torre hanno riversato con un impeto incredibile a valle acqua e detriti".

     

    "E pensare – conclude – che non è straripato il fiume Ema che è proprio lungo la via di Tizzano. Una marea che ci ha invasi letteralmente in pochissimi secondi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...