spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Guasto impianto raffreddamento: fuori uso le sale operatorie del Santa Maria Annunziata

    Torneranno nuovamente operative dopo il ripristino dell'impianto di refrigerazione, sabato 25 giugno. Interventi non differibili garantiti su altri presidi

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Dovrebbe tornare nuovamente operativo da sabato prossimo il blocco operatorio del presidio ospedaliero Santa Maria Annunziata, dopo il guasto alla batteria di raffreddamento che si è verificato nella giornata di oggi.

    “L’area tecnica aziendale – dicono dalla Asl Toscana Centro – è, infatti, immediatamente intervenuta non appena allertata dalla direzione sanitaria dell’ospedale, a seguito dell’innalzamento progressivo della temperatura dell’acqua refrigerante a servizio delle sale operatorie”.

    “Nel corso della giornata di domani l’impianto sarà ripristinato – si aggiunge – le temperature, pertanto, dovrebbero tornare alla normalità e così anche l’attività operatoria che purtroppo oggi è stata sospesa”.

    “Per gli interventi operatori in programma nella giornata di venerdì 24 giugno – viene precisato – l’Azienda si scusa per il disagio con i pazienti interessati dovuto a conseguenze indipendenti dalla propria volontà”.

    “Gli interventi non differibili – sottolinea la Asl TC – sono stati comunque garantiti presso gli altri ospedali della rete ospedaliera aziendale dove sono stati trasferiti i pazienti per effettuare l’intervento chirurgico: San Giovanni di Dio a Firenze e San Jacopo a Pistoia”.

    L’attività in emergenza è stata comunque garantita presso Santa Maria Annunziata.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...