mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    I docenti del Gobetti-Volta: “Il taglio di 4 classi è una scelta sbagliata. In questa fase è dissennata”

    Durissima presa di posizione contro le "classi pollaio": "Si creano problemi anche di elementare sicurezza. Che poi si dovranno affrontare a settembre"

    BAGNO A RIPOLI – “Il taglio di 4 classi dell’Istituto Gobetti-Volta proposto dall’Ufficio Scolastico Regionale – qualora dovesse essere confermato – renderà meno efficace l’azione didattica e quindi meno efficiente la scuola”.

    Lo scrivono i docenti dell’istituto superiore “Gobetti-Volta” di Bagno a Ripoli, in una riflessione che decidono di rendere pubblica in un momento cruciale nella vita scolastica, che intreccia difficoltà del passato a quelle causate dalla pandemia da Covid-19.

    “Infatti – riprendono i docenti – moltiplicare il numero di alunni per classe (componendo classi troppo affollate, anche tramite accorpamenti) è senza dubbio una scelta improduttiva, almeno per chi tenga più ai risultati educativi da raggiungere che ai risparmi da ottenere”.

    “Del resto – rilanciano – se tagliare sulla formazione è sempre una scelta sbagliata, in questa fase di pandemia appare addirittura dissennata: ridurre il numero di classi in questo momento non significa solo impoverire l’offerta formativa ma anche rendere più difficile tutelare la salute dei ragazzi. Tutto questo mentre dal Ministero si promettono svolte rispetto alle “classi pollaio” e investimenti per garantire la sicurezza degli alunni e dei lavoratori della scuola”.

    “Già dal tempo della riforma che ha obbligato l’aumento del numero degli studenti per classe – sottolineano – molte aule non sono più risultate adeguate allo spazio vitale previsto per legge e per le norme di sicurezza, costringendo gli studenti, maggiormente quelli della scuola secondaria di seconda, a situazioni di disagio e di carenza di sicurezza, e i docenti e i dirigenti a subirne le conseguenze sia sotto il profilo della didattica che della responsabilità”.

    “Risulta evidente – affermano – quanto sia illogico costituire adesso delle classi di 30 alunni per poi dovere, a settembre, smembrare classi troppo numerose per una didattica in presenza sicura. Invece di cogliere l’occasione per imprimere, da subito, una svolta nei criteri di formazione delle classi, si preferisce da parte del Ministero continuare con le vecchie logiche di risparmio e di tagli, salvo poi cercare – forse – di metterci una pezza alla ripresa dell’anno scolastico”.

    Insomma, come dice un vecchio adagio di grande saggezza popolare, è come fare una buca per poi riempirla. E in un momento del genere è doppiamente pericoloso, oltre che insensato.

    “Pertanto – concludono – chiediamo con forza di rivedere tale previsione e di consentire la regolare formazione delle classi attualmente soppresse, non solo per ragioni didattiche ma anche di sicurezza e di elementare buon senso, per evitare di creare adesso problemi che occorrerà affrontare e risolvere alla riapertura della scuola a settembre”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...