spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I sindaci dell’area Sud Est incontrano la direzione aziendale dell’Asl Toscana Centro al Santa Maria Annunziata

    Tra i temi affrontati, il PNRR e la partenza nel 2024 dei lavori (fra le altre) della Casa di Comunità di Impruneta

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – La direzione aziendale dell’Asl Toscana Centro, accompagnata da presidente e direttore della Società della Salute sud est, Francesco Casini e Simone Naldoni, ha effettuato oggi, giovedì 14 dicembre, presso l’ospedale Santa Maria Annunziata, un incontro con tutti gli amministratori della zona fiorentina sud est.

    Fra i quali tutti quelli del territorio del Chianti fiorentino: oltre a Bagno a Ripoli, Impruneta, San Casciano, Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti.

    I direttori generale, sanitario e amministrativo hanno affrontato insieme ai sindaci e agli altri amministratori i temi dei servizi territoriali diffusi e quanto legato alle strategie di assistenza e integrazione sociale.

    Tra gli altri temi, il PNRR e la partenza nel 2024 dei lavori di quattro Case di Comunità e di un Ospedale di Comunità.

    La Casa della Comunità di Impruneta e di Reggello, di Figline Valdarno dove è previsto anche l’Ospedale di Comunità e Pontassieve.

    Un sistema di strutture Hub e Spoke in parte di nuova realizzazione, in parte di riorganizzazione e ampliamento di precedenti edifici, che secondo il modello organizzativo della Casa di Comunità darà spazio ad ambulatori per i medici di medicina generale e per i pediatri di libera scelta.

    All’offerta specialistica e di diagnostica di primo livello, all’attività amministrativa e di sportello Cup, secondo il principio della multidisciplinarietà e multi professionalità tra servizi e professionisti della rete.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...