spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Dottor Nuvola, dall’ospedale di Ponte a Niccheri alla Sicilia: per aiutare contro il caporalato

    I clown di diverse associazioni collaboreranno e lavoreranno insieme a Vittoria, in provincia di Ragusa, per lavorare con gli immigrati e gli italiani sfruttati dal caporalato. Come contribuire

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Federico Magherini, in arte Dottor Nuvola, che ha lavorato tanti anni come dottor clown all’ospedale di Ponte a Niccheri, sta organizzando, insieme a tante altre associazioni di clown dottori, una missione in Sicilia, si terrà dall’11 al 17 ottobre.

    I clown di diverse associazioni collaboreranno e lavoreranno insieme. E, per questa occasione, andranno a Vittoria, in provincia di Ragusa, per lavorare con gli immigrati e gli italiani sfruttati dal caporalato che raccolgono, ad esempio, i nostri pomodori.

    Porteranno anche cure dentistiche gratuite e vari aiuti umanitari. Per poter realizzare tutto questo però hanno bisogno di raccogliere almeno 5.000 euro, per cui hanno lanciato una campagna di raccolta fondi e una ricerca di sponsorizzazioni, se volete aiutarli qua sotto trovate tutti i riferimenti utili.

    Per informazioni potete contattare direttamente il Dottor Nuvola al 3334603312, per informazioni sull’associazione invece potete consultare il sito all’indirizzo www.clownrevolution.it.

    Donazioni con Bonifico IT49F0306909606100000176650 Intestato a Clown Revolution aps. causale: Raccolta fondi Missione Clown.

    Donazioni con PayPal: https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=JPLCGL39CZ2T8

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...