spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il Parco che c’è già”: sabato 28 maggio iniziativa al giardino I Ponti di Bagno a Ripoli

    La giornata è organizzata dal Coordinamento di associazioni e comitati: tutto il programma

    BAGNO A RIPOLI – Si chiama “Il Parco che c’è già” l’iniziativa che si terrà domani, sabato 28 maggio, presso il giardino de I Ponti di Bagno a Ripoli. E che avrà come tema il Parco situato fra Sorgane e Bagno a Ripoli.

    La giornata è organizzata dal Coordinamento di Legambiente, Italia Nostra, L’A.R.C.A., Fridays For Future Firenze, Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio, Comitato Amici di Mondeggi Bene Comune, Il Pianeta, Per una Cittadinanza Attiva Bagno a Ripoli, Potere al Popolo, ASD Piano Terra, Firenze in Tralice, Rifondazione Comunista, VAS onlus–Circolo Chianti Fiorentino e il Comitato di Vicchio e dintorni.

    Una giornata, spiegano dal Coordinamento stesso, “per far conoscere alla cittadinanza il “Parco che c’è già”, ovvero un luogo ancora in grado di raccontare la storia del nostro territorio, attraverso le testimonianze ancora visibili del lavoro dei contadini a mezzadria, e che ci regala una flora e una fauna tutta da scoprire e da preservare”.

    Dal mattino sarà accessibile il punto informativo che resterà attivo tutta la giornata, mentre dalle ore 16.30 ci sarà un incontro pubblico “per discutere insieme alla cittadinanza del futuro di quell’area”.

    Inoltre, sempre nel pomeriggio, si terrà il Laboratorio per bambini “I colori dei fiori” dove i bambini potranno creare quadri usando le loro dita e sperimentando i colori che ci offrono le foglie e i petali di fiori freschi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...