mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    Incidente mortale su via di Ritortoli: muore sulla strada un 63enne a bordo di uno scooter T-Max

    Impatto mortale senza lasciare speranze: il 63enne è deceduto sul posto. Lo scontro contro la Ford Focus condotta da un uomo

    BAGNO A RIPOLI – Giovedì nero lungo le strade del comune di Bagno a Ripoli, dove questa mattina è morto un uomo di 63 anni.

    Un incidente stradale (avvenuto poco dopo le 12) dovuto forse anche al fondo stradale un po’ scivoloso, anche se sembra chiara la dinamica ricostruita da chi è intervenuto sul posto. Polizia locale di Firenze, di Bagno a Ripoli, carabinieri.

    Lo scontro, frontale, fra un’auto (una Ford Focus guidata da un uomo) e uno scooter di grossa cilindrata (un T-Max) è avvenuto lungo via di Ritortoli, nel territorio comunale di Bagno a Ripoli, a pochi metri dal “confine” con Firenze.

    A rimanere ucciso in seguito all’impatto è stato il conducente dello scooter, un uomo di 63 anni residente a Bagno a Ripoli.

    Purtroppo non è stato neanche possibile portarlo presso il vicino ospedale Santa Maria Annunziata. Il decesso è avvenuto sul posto.

    I veicoli sono stati posti sotto sequestro su disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre non è stata disposta autopsia per l’uomo deceduto.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...