spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La donna nella storia dell’arte, ciclo di incontri alla casa del popolo di Grassina

    Dal 5 ottobre al 23 novembre quattro appuntamenti a cura della professoressa Laura Ciuccetti

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – La casa del popolo di Grassina, con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, organizza e ospita un ciclo di quattro incontri a cura della professoressa Laura Ciuccetti, dedicati alla figura della donna nella storia dell’arte.

    Tanti i temi affrontati: dal ruolo delle donne nel Medioevo alla violenza di genere. Gli appuntamenti si svolgeranno dal 5 ottobre al 23 novembre.

    Conclude la rassegna una visita alla mostra di Alphonse Mucha al Museo degli Innocenti a Firenze, prevista per sabato 16 dicembre.

    Di seguito il programma nel dettaglio.

    – Giovedì 5 ottobre, ore 21: “Donne nel Medioevo: spigolando fra mura e campagna”. Un tema ricco di spunti sul quotidiano, un’angolazione al femminile per guardare con altri occhi affreschi, quadri e miniature.

    – Giovedì 19 ottobre, ore 21: “Con un libro in mano”. Quando leggere era un privilegio, una necessità, un vanto, un vizio. Una carrellata di opere che ripercorre la Storia dell’arte.

    – Giovedì 9 novembre, ore 21: “Donne che incutono paura, Mucha e dintorni”. Oltre la bellezza, inquietudine e timore al tempo della femme fatale. Klimt, Mucha e gli altri.

    – Giovedì 23 novembre, ore 21: “Donne che hanno paura”. Violenze e martirii in tempo di pace e di guerra. La meraviglia della tecnica giustifica qualsiasi tema?

    – Sabato 16 dicembre, Museo degli Innocenti a Firenze: Visita alla mostra di Alphonse Mucha.

    Informazioni: info@casadelpopolo.fi.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...