spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Memoria, “La Martinella” in concerto per sostenere il viaggio-studio nei campi di sterminio

    Il 22 marzo al Teatro Acli di Ponte a Ema l'iniziativa organizzata dal Comune con gli studenti di "Redi" e "Granacci"

    PONTE A EMA (BAGNO A RIPOLI) – Concerto di fundraising per supportare la carovana della memoria negli ex campi di sterminio.

     

    È quello che venerdì 22 marzo alle 21 vedrà protagonista il coro “La Martinella” al Teatro Acli di Ponte a Ema (via Chiantigiana 113).

     

    Una serata di musica e canti della tradizione popolare toscana che al divertimento unisce un nobile scopo. Il ricavato dell'iniziativa andrà infatti a sommarsi al finanziamento comunale per la promozione del viaggio nei luoghi della Shoah organizzato dall'associazione nazionale ex deportati che ogni anno coinvolge centinaia di studenti toscani.

     

    Tra questi anche le ragazze e i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado del territorio. Al concerto, non a caso, prenderanno parte attiva gli studenti delle medie ripolesi “Francesco Redi” e “Francesco Granacci” che presenteranno il progetto del viaggio della memoria.

     

    Per informazioni: Centro di documentazione educativa del Comune 0556390455/456 – cde@comune.bagno-a-ripoli.fi.it. È gradito un contributo volontario.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...