spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Misericordia di Antella salva anche una civetta, tramortita dal nubifragio del 15 agosto

    Molti anche gli animali, in particolare cani e gatti, che hanno subito l'impatto della tempesta. Ma anche questo assiolo, ritrovato dentro al Cimitero Monumentale

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – La Misericordia dell’Antella durante l’emergenza nubifragio che ha colpito il territorio comunale nella notte del 15 agosto non ha prestato aiuto e assistenza solo alle persone, ma anche agli animali.

    Animali che hanno subito l’impatto del nubifragio. In questi giorni seguenti, infatti, non sono state poche le famiglie a ricercare cani e gatti, rimasti fuori o scappati durante quei terribili minuti.

    In questo caso, la Confraternita antellese ha soccorso un assiolo, una civetta, di cui esistono pochi esemplari in Europa.

    E per questo è anche inserito tra le specie protette ai sensi della legge 157/92.
     
    A causa della forte pioggia l’animale ha riportato alcuni danni, forse cadendo da un albero e finendo trascinato dalle acque.

    Trovando alla fine sicuro riparo tra i muri del Cimitero Monumentale della Misericordia dell’Antella.

    Dove, nella tarda mattinata del 16 agosto, è stato notato da un operatore del cimitero e preso in custodia.

    D’intesa con il centro emergenza comunale il volatile è stato quindi trasferito dalla Misericordia dell’Antella alla LIPU.

    Dove attualmente si trova ricoverato: con l’augurio che possa tornare quanto prima alla sua normale vita tra gli alberi dell’Antella.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...