spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La prigionia del militare Alfredo Misuri, da Ponte a Ema ai lager nazisti

    Presentazione del libro "... e verrà il giorno" giovedì 28 settembre, ore 16.30, in Palazzo Medici Riccardi a Firenze

    PONTE A EMA (BAGNO A RIPOLI) –  Giovedì 28 settembre alle ore 16.30 nella Sala Pistelli di Palazzo Medici Riccardi si terrà la presentazione del libro “… e verrà il giorno” (casa editrice LibriLiberi, Firenze 2023).

    Si tratta del diario della prigionia in Germania dal settembre 1943 all’agosto 1945 del militare italiano Alfredo Misuri, di Ponte a Ema.

    L’iniziativa è promossa dalle sezioni Anpi di Bagno a Ripoli e Ponte a Ema, da Anei sezione di Firenze e dalla Città Metropolitana di Firenze per ricordare l’ottantesimo anniversario dell’8 settembre 1943.

    La relazione magistrale sul libro, sull’autore, sui tragici eventi narrati, verrà fatta dal professor Nicola Labanca, storico dell’Università di Siena, che rappresenta oggi il riferimento più autorevole nella ricostruzione storica della pagina dolorosa relativa all’internamento di 700.000 soldati italiani nei campi tedeschi dopo l’armistizio dell’8 settembre.

    Questa occasione è di particolare importanza per chiunque voglia conoscere un aspetto fondamentale e poco studiato nella Resistenza del popolo italiano contro il nazismo e il fascismo.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...