spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Leccio di Belmonte: mozione del Pd per tutelare la pianta e garantire l’utilizzo pubblico dell’area

    "Adottare quanto prima iniziative a tutela, sia con interventi di cura, sia attraverso un percorso che possa portare ad una piena fruizione dell’area"

    BAGNO A RIPOLI – “Adottare quanto prima iniziative a tutela del Leccio di Belmonte, sia con interventi di cura per garantire la sopravvivenza della storica pianta sia attraverso un percorso che possa portare ad una piena fruizione dell’area da parte di tutta la comunità”.

    A chiederlo il gruppo del Pd in consiglio comunale di Bagno a Ripoli, in una mozione consiliare.

    “In attesa del completamento dell’iter burocratico – spiega il Pd di Bagno a Ripoli – avviato dopo l’approvazione nel maggio 2021 di una nostra mozione, che porterà la Regione Toscana ad inserire il Leccio, unitamente alla Cipressa di Rimaggio, nell’elenco degli alberi monumentali e di interesse storicoabbiamo voluto riportare l’attenzione sul tema e sulle preoccupanti condizioni in cui si trova la pianta”.

    Nella mozione si chiede anzitutto all’amministrazione comunale “di interloquire con la Misericordia di Firenze, proprietaria dell’albero, affinché vengano poste in essere le urgenti e necessarie cure volte a garantire la sopravivvenza della pianta”.

    Che, si ricorda, “è un vero e proprio patrimonio collettivo per la frazione di Antella e per tutto il territorio di Bagno a Ripoli”.

    “Si chiede infine “di avviare un percorso volto a garantire un utilizzo pubblico dell’area in cui si trova l’albero”.

    Che possa portare “all’apposizione di un vincolo finalizzato all’esproprio, ove possibile e, in ogni caso, alla sottoscrizione di una convenzione per regolamentare l’accesso all’area”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...