lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Lega Bagno a Ripoli: “Terza corsia A1, il sindaco passi dalla propaganda alla trasparenza”

    "Ridicola la "crociata" contro Società Autostrade. Inadeguati oggi guidano il comune di Bagno a Ripoli. Da anni sacrificano la vivibilità dei cittadini coinvolti nel cantiere"

    BAGNO A RIPOLI – “Sulla questione terza corsia il sindaco di Bagno a Ripoli passi dalla propaganda alla trasparenza”.

    Lo sostiene la Lega a Bagno a Ripoli, che riteien “ridicola la “crociata” contro la Società Autostrade, in quanto l’amministrazione non è un corpo estraneo a quanto sta accadendo”.

    “È da venditori di fumo – rimarcano – richiedere ulteriori 10 milioni di euro per opere compensative quando è risaputo che, una volta chiusa la Conferenza dei Servizi, non è più possibile fare nulla”.

    “Inadeguati – rilanciano con durezza – oggi guidano il comune di Bagno a Ripoli. Inadeguati, e lo ripetiamo volutamente, che da anni sacrificano la vivibilità dei cittadini coinvolti nel cantiere senza creare nessuna opera strategica per tutelare le persone interessate”.

    “Dopo aver rovinato la vita a tante famiglie di Grassina e Antella – accusano – i prossimi a subire la pressapochezza e lo scaricabarile di questa maggioranza saranno i cittadini di San Donato e Osteria Nuova”.

    “Come si può pensare – dice ancora la Lega ripolese – che la popolazione sia così stupida da abboccare alle giustificazioni del Pd per far credere alla gente che sia sempre colpa di qualcun altro?”.

    “Chiediamo al sindaco Casini di metterci la faccia – incalzano – Almeno una volta, se ne ha tempo. Faccia un bel consiglio comunale aperto a tutti, si assuma le proprie responsabilità e faccia trasparenza su quanto sta accadendo”.

    “La Lega e i cittadini – concludono – chiedono competenza e soluzioni. Della propaganda di sinistra non sappiamo davvero cosa farcene”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino