spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lettera di un cittadino ripolese: “Mi aspettavo che mi dicessero cosa era accaduto”

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – A proposito degli scarichi nel torrente Grassina, che nei giorni scorsi avevano causato il suo cambiamento di colore, tendente al nero (clicca qui per leggere l'articolo), riceviamo e pubblichiamo la lettera di un nostro lettore che aveva segnalato il fatto all'amministrazione comunale ripolese.

     

    "Ho telefonato il giorno venerdi 15 scorso (attorno alle 12.30) alla polizia municipale di Bagno a Ripoli per comunicare il fenomeno che stava interessando il torrente Grassina con le acque completamente nere e maleodoranti (di sansa).

     

    I vigili mi dissero che avrebbero attivato una pattuglia e avvertito l'ARPAT , chiedendomi, oltre ai miei dati anagrafici anche il mio recapito telefonico.

     

    Da quel momento non ho avuto nessuna notizia se non quanto letto sul vostro articolo del 17.11.2013. Penso che un cittadino che compie il proprio dovere (nel caso di denuncia di un fatto grave), rivolgendosi alle istituzioni, dovrebbe essere tenuto in maggior considerazione. VI ringrazio per lo spazio concessomi".

     

    Raffaello Cammunci

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...