spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Luci verdi al palazzo comunale di Bagno a Ripoli: per sostenere la lotta contro la Sla

    Il Comune aderisce all'iniziativa promossa da Aisla Firenze per manifestare sostegno alle persone affette da Sclerosi laterale amiotrofica

    BAGNO A RIPOLI – La notte di sabato 17 settembre molti palazzi storici e comunali si accenderanno di verde per supportare simbolicamente Aisla, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, nella lotta contro questa terribile malattia che ancora oggi non conosce cura.

    Anche il Comune di Bagno a Ripoli torna ad aderire all’iniziativa promossa da Aisla Firenze, illuminando di colore verde il palazzo comunale.

    L’accessione della luce verde è un gesto simbolico di sostegno alle famiglie seguite nel loro percorso da Aisla.

    La sezione provinciale dell’associazione, inoltre, sarà presente domenica 18 settembre, XV Giornata Nazionale sulla SLA, con un gazebo nel centro storico di Firenze per tutta la giornata per informare i cittadini sulla malattia e sui servizi offerti.

    Istituita una raccolta fondi per l’assistenza delle persone colpite dalla malattia attraverso l’offerta di una bottiglia di Barbera d’Asti in cambio di una donazione minima di 10 euro.

    Per informazioni: www.aislafirenze.it – 3482880933.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...