spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E i Re Magi arrivarono sul sagrato della chiesa di San Michele Arcangelo

    Un'iniziativa voluta dal parroco don James e organizzata dal Cat e dall'Acli

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – A Grassina nel giorno dell’Epifania le basse temperature hanno messo a dura prova la rappresentazione dell’arrivo dei tre re Magi organizzata dal CAT in collaborazione con il circolo Acli, messa in scena sul sagrato della Chiesa di San Michele Arcangelo adattato a palcoscenico. 

     

    Introdotta dai canti del coro della parrocchia e sferzata da un gelido vento la narrazione dell’ira di Erode e dell’arrivo dei re che seguendo un astro furono condotti a Gerusalemme al cospetto del bambin Gesù è stata seguita da un pubblico infreddolito ma partecipe alla celebrazione della ricorrenza.

     

    Le comparse, tra cui figuravano anche i bambini del catechismo con i loro catechisti, indossavano i bei costumi appositamente cuciti per questa ricorrenza ed alcuni di quelli usati durante la Rievocazione Storica del venerdì Santo.

    Poi, passando dal sacro al profano, tutti ad aspettare l’arrivo dell’anziana vecchietta al circolo Acli dove una buona merenda calda preparata dai volontari ha scaldato gli animi di adulti e piccini.

    di Silvia Rabatti

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...