spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Mai più soli”, supporto psicologico per i familiari delle vittime della strada: Bagno a Ripoli rinnova l’intesa

    Con l'Associazione Borgogni. Il Comune era stato il primo dell'hinterland fiorentino a dotarsi del servizio lo scorso anno: ora l'estensione dopo la fase sperimentale

    BAGNO A RIPOLI – “Mai più soli”: si rafforza l’alleanza tra il Comune di Bagno a Ripoli e l’Associazione Gabriele Borgogni Onlus.

    Il progetto, che fornisce supporto psicologico gratuito a chi è stato coinvolto in un incidente stradale e ai familiari delle vittime, viene rinnovato dopo una prima fase sperimentale.

    Ieri la firma in palazzo comunale a Bagno a Ripoli, alla presenza del sindaco, del suo vice, della presidente dell’Associazione, Valentina Borgogni, del comandante della polizia municipale ripolese, Filippo Fusi.

    Il sindaco ha spiegato che “Bagno a Ripoli un anno fa è stato il primo comune dell’area fiorentina, dopo Firenze, ad aderire, all’indomani della morte di un concittadino, ucciso da un pirata della strada”.

    Oggi il progetto viene confermato ed esteso nel tempo. Il sindaco ha aggiunto che “offrire assistenza qualificata gratuita nel momento più delicato del dolore e della perdita è un atto di umanità e civiltà di cui l’amministrazione vuole farsi portatrice. Ha proseguito con un ringraziamento all’Associazione Borgogni per aver ideato questo progetto bellissimo fin dal nome”.

    “Mai più soli”, realizzato con il supporto della Fondazione CR Firenze, in collaborazione con l’Ordine degli psicologi della Toscana, dell’Associazione Cerchio Blu e con il patrocinio della Regione Toscana, prevede di fornire assistenza psicologica gratuita alle vittime di incidenti stradali e ai loro cari.

    Ma anche agli operatori di polizia municipale coinvolti in eventi di infortunistica e mortalità stradale, chiamati a intervenire in situazioni che hanno forti ripercussioni sul piano emotivo.

    “Ringraziamo il Comune di Bagno a Ripoli e il Sindaco Casini in particolare, che è stato  il primo a credere nel progetto e a supportarlo – dichiara la presidente dell’Associazione, Valentina Borgogni – Ad oggi abbiamo sottoscritto non solo protocolli d’intesa con alcuni dei Comuni della Città Metropolitana di Firenze, ma stiamo estendendo il progetto anche in tutta la Toscana”.

    “Quando mi comunicano che il supporto viene attivato – conclude – è sempre ovviamente un momento di dolore, ma grazie alla professionalità degli psicologi che hanno aderito al progetto e ai Comuni con il loro supporto, proviamo ad aiutare a gestire un momento di fortissimo impatto emotivo per le famiglie delle vittime e per gli operatori che intervengono nel sinistro mortale o gravissimo”.

    “Insieme all’Associazione Borgogni – dichiara il comandante Fusi – stiamo lavorando per mettere in campo un progetto agli studenti delle superiori, finalizzato alla sicurezza alla guida di motocicli”.

    “Siamo quasi in dirittura d’arrivo – specifica in conclusione il comandante della polizia municipale ripolese – e prevediamo di avere con noi ex piloti professionisti, istruttori di guida sicura  che oltre a svolgere  lezioni teoriche e tecniche, potranno avvalersi di tecnologie all’avanguardia come simulatori di guida messi a disposizione da importanti partner del settore”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...