spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un giovane di 26 anni ricoverato in terapia intensiva a Ponte a Niccheri

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Santa Maria Annunziata, in prognosi riservata, ma con un lieve miglioramento dopo le prime cure, un giovane di 26 anni per il quale è stata diagnosticata una meningite da meningococco.

     

    Dopo i primi accertamenti e mentre sono state effettuate le prime cure da parte dei sanitari di Ponte a Niccheri, è stata avviata la procedura di profilassi da parte del servizio di igiene pubblica dell’Azienda sanitaria fiorentina nei confronti delle persone – all’incirca un’ottantina – che nei giorni precedenti il ricovero possono aver avuto contatti prolungati in locali chiusi con il ragazzo.

     

    In particolare sono state allertate le persone che con lui avevano partecipato a una assemblea pubblica, i membri della commissione d’esame con cui si è recentemente laureato presso l’Università di Firenze e gli amici e i compagni con cui aveva festeggiato la fine degli studi.

     

    È da precisare che non c’è alcuna relazione tra questo caso di meningite e l’altro registrato nei giorni scorsi che ha riguardato uno studente fuori sede dell’Ateneo fiorentino.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...