spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dieci migranti a Ponte a Ema: se n’è parlato coi cittadini dopo la Messa domenicale

    Con questo nuovo innesto, i migranti accolti nel territorio (Grassina, Ponte a Ema, capoluogo) saranno in tutto 42

    PONTE A EMA (BAGNO A RIPOLI) – Domenica 15 gennaio, al termine della Santa Messa del mattino, presso la Parrocchia di Ponte a Ema, alla presenza del sindaco Francesco Casini, del vicesindaco Ilaria Belli, del direttore della Caritas di Firenze Alessandro Martini, del responsabile del settore immigrazione della Caritas Marzio Mori e del parroco don Giulio Cirri, si è svolto un incontro sull'ospitalità che la comunità di Ponte a Ema darà a un gruppo di dieci migranti, profughi, a partire dai prossimi mesi.

     

    Nel corso dell'incontro è stato presentato il progetto di accoglienza curato dalla Caritas e dal Comune di Bagno a Ripoli.

     

    Con questo nuovo innesto, i migranti accolti nel territorio di Bagno a Ripoli (Grassina, Ponte a Ema, Capoluogo) saranno in tutto 42, una quota che si sta progressivamente avvicinando alle indicazioni dell'accordo sull'accoglienza Anci/Governo di 2,5 profughi ogni 1.000 abitanti.

     

    “Il clima di grande serenità e tranquillità in cui si è svolto l'incontro – hanno dichiarato il sindaco Francesco Casini e il vicesindaco e assessore alle politiche sociali Ilaria Belli – ha confermato una volta di più la grande umanità e capacità di accoglienza della comunità ripolese, in questo caso della frazione di Ponte a Ema".

     

    "Bagno a Ripoli tutta – hanno proseguito – ovvero cittadini, associazioni, istituzioni, sta facendo al 100% la propria parte per gestire un'emergenza ormai pressoché strutturale, come quella dei migranti, che non si arresta nemmeno nei freddi mesi invernali".

     

    "Il sistema dell'accoglienza diffusa promosso dalla Regione Toscana – hanno ammesso – certo da solo non basta a gestire un fenomeno così vasto, che ha necessità di un imponente lavoro in àmbito internazionale e di procedure rapide nel riconoscimento del diritto di asilo, su cui sta lavorando il Governo nazionale, ma appare sempre di più la soluzione giusta ed efficace per un'accoglienza concreta, capace di unire umanità e sicurezza".

     

    "Sicurezza – hanno concluso – che è l'altro fondamentale aspetto che, in un momento delicato come l'attuale, vogliamo e dobbiamo garantire”.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...