spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mondeggi, Nardella: “La Città Metropolitana di Firenze ha aggiudicato i lavori”

    Il sindaco Casini: "E' un passaggio definibile come storico. Entriamo nel vivo di una vera e propria rigenerazione"

    BAGNO A RIPOLI – La Commissione della Città Metropolitana ha valutato le 14 offerte offerte giunte per cinque procedure di gara attivate per realizzare il “Progetto di Rigenerazione territoriale della Tenuta di Mondeggi”, finanziato nell’ambito dei Piani urbani integrati con i fondi del Pnrr e che interessa il restauro di edifici eterogenei (per caratteristiche e dimensioni) e la creazione di invasi e sottoservizi, e ha aggiudicato i lavori.

    “Grazie al lavoro condotto dagli uffici abbiamo potuto assegnare i lavori prima della scadenza prefissata del 30 luglio” dichiara il sindaco metropolitano Dario Nardella.

    “I progetti di rigenerazione di Mondeggi – aggiunge – daranno respiro e futuro alla tenuta in un’area di grande pregio, che diventerà un riferimento per tutto il territorio, ristrutturato, allestito e organizzato secondo i più avanzati criteri di sostenibilità, salvaguardando la vocazione agricola e facendone un centro di promozione di attività sociali, culturali e sportive”.

    “Da quando ci siamo insediati nella Città Metropolitana – ricorda – abbiamo lavorato a una visione del territorio, da concretizzare entro il 2030, che è diventata il Piano strategico con il nome di Rinascimento Metropolitano, anche con l’obiettivo di recuperare spazi ed edifici di valore storico e architettonico ed esaltare le potenzialità che presentano, dall’ex convento di Sant’Orsola a Mondeggi e a tutti quei progetti che abbiamo elaborato e proposto nella prospettiva aperta dal Next Generation Eu col Pnrr”.

    “Stiamo facendo grandi passi in avanti – conclude – e non ci scoraggiamo davanti a difficoltà. Mondeggi ne è la riprova”.

    “Con la conclusione delle gare e l’assegnazione dei lavori alle ditte si compie un passaggio definibile come storico – commenta il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – Entriamo nel vivo della rigenerazione di un patrimonio culturale, paesaggistico e rurale del territorio che viene salvato dalla deriva di una mancata valorizzazione”.

    “E’ un altro pezzo del mosaico che andava recuperato a Bagno a Ripoli – riprende – così come accaduto per l’ex fornace Brunelleschi diventata il nuovo, bellissimo, stabilimento Fendi e per l’ex villa Enel ora Viola Park”.

    “Quella di Mondeggi – sottolinea Casini – è prova e segnale di quanto possono e sanno fare gli enti locali che sanno investire risorse come quelle del Pnrr per beni e recuperi essenziali come la tenuta e nei tempi prefissati”.

    “E’ un fatto – conclude – che evidenzia anche il ruolo fondamentale che Città Metropolitane e Province possono continuare ad avere. Ringrazio gli uffici della Metrocittà che hanno lavorato in modo straordinario al conseguimento di questo obiettivo”.

    Dunque cinque gli interventi a Mondeggi con conclusione dei lavori entro il 30 giugno 2026: primo intervento, case coloniche di Cerreto e Rucciano (durata dei lavori 730 giorni consecutivi); secondo, case coloniche di Conte Ranieri e Sollicciano (720 giorni); terzo, case coloniche di Pulizzano e Cuculia (980 giorni).

    Quarto, Villa di Mondeggi, giardino, Cappella e Casa del Giardiniere (973 giorni); quinto, strade, invasi e sottoservizi (980 giorni).

    “Il progetto – conclude la Metrocittà – risponde ai criteri dei Piani integrati per favorire una migliore inclusione sociale (riducendo l’emarginazione e le situazioni di degrado sociale, promuovendo la rigenerazione urbana attraverso il recupero, la ristrutturazione e la rifunzionalizzazione ecosostenibile delle strutture edilizie e delle aree pubbliche) e sostenere progetti legati alle smart cities, con particolare riferimento ai trasporti ed al consumo energetico”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...