spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Era stato preside all’istituto Volta: in pensione, si era messo a insegnare italiano agi stranieri

    Il sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini (in foto sopra) esprime il proprio cordoglio per la scomparsa, avvenuta domenica 9 dicembre, di Ciro De Luca, già preside dell'Istituto Alessandro Volta.
     

     

    A nome dell'Amministrazione Comunale, ha inviato alla moglie un telegramma e ha postato il seguente messaggio sul suo profilo Facebook: “È venuto a mancare improvvisamente a causa di un infarto il professor Ciro De Luca, preside per circa dieci anni dell'Istituto Volta di Bagno a Ripoli. Ciro è stato per tutto il tempo il mio preside, quello con cui ho collaborato in tante attività e iniziative e pensare che oggi non c'è più mi addolora. Indimenticabili poi i suoi impegni per gli ultimi".

     

    "Da quando era in pensione – scrive ancora Baertolini – si era messo ad insegnare italiano agli stranieri di Grassina e ogni anno mi invitava ad uno o più incontri con loro. I funerali si terranno oggi 11 dicembre 2012 alle 15 presso la chiesa di Grassina".

     

    "Ho inviato alla moglie – conclude – che conosco da quando Ciro divenne preside il seguente telegramma: Cara Rosalba, ti esprimo le più sentite condoglianze di tutta l'Amministrazione Comunale e mie personali per l'improvvisa perdita del caro Ciro, instancabile e appassionato preside dell'istituto Volta e amato insegnante di italiano per gli immigrati presso la Parrocchia di Grassina. La nostra Comunità oggi è più povera".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...