spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’ex Pievano dell’Antella don Giovanni Martini è morto questa mattina alle 10

    Era in gravissime condizioni. Correttore per 20 anni anche della Misericordia di Antella, che aveva invitato a pregare per lui

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – L’ex Correttore e Pievano della chiesa di Santa Maria all’Antella, don Giovanni Martini, è morto nella mattinata di oggi, domenica 11 febbraio (attorno alle 10).

    Era in gravissime condizioni: “Si erano gà aggravate a fine gennaio – avevano fatto sapere dalla Misericordia dell’Antella – quando è iniziato il suo cammino verso Dio, fonte di gioia e di luce eterna”.

    “In questi giorni – aveva proseguito – tantissimi i sacerdoti che sono andati a visitarlo, salutarlo, chiedendogli di raccomandarli perché si ricordi di loro verso il Padre”.

    La Misericordia Antella aveva anche invitato “tutti, soci e non, a pregare per lui in questo momento importante della sua vita di uomo e di sacerdote”.

    Don Giovanni Martini era nato nel 1949, ordinato sacerdote nel 1976, è stato per 20 anni (fino al settembre 2016) pievano all’Antella e correttore della Misericordia del paese.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...