spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Si inaugura il 21 giugno, rimane visitabile tutti i giorni fino al 30 del mese

    BAGNO A RIPOLI – Comune di Bagno a Ripoli e Teatro di Antella presentano la mostra "La pittura moderna di Gino Vergioli", che sarà inaugurata venerdì 21 giugno alle 17.30 al Teatro Comunale di Antella. L'esposizione sarà visitabile fino al 30 giugno tutti i giorni ore 16-19, sabato e domenica ore 10-12 e 16-19.

     

    Gino Vergioli, riflessioni di silenzio, di Roberta Cirri: “Quando il cielo è più cupo nelle sere fredde d’autunno inoltrato, quando il sole già lontano sprigiona nella sua più potente violenza l’ultimo guizzo rosso, prima di assopirsi, e solo il vento tra i rami secchi e lo scrosciare dell’acqua, in quel punto dove un ostacolo allo scorrere placido impone un piccolo salto, rompono un quieto opprimente silenzio, è facile lasciarsi prendere da una dolce malinconia, cominciare a ricordare, a sognare… Basta poco per allontanarci dalla monotonia e portarci a inventare momenti diversi, basta poco per sentire poi il bisogno di esprimerli agli altri. Proprio così credo nascano le opere di Gino Vergioli. Nello squarcio di mondo che crea sono impressi tutti quegli stati d’animo provati quando per la prima volta ha sfiorato quella stessa visione lasciandosene infatuare. Il rosso violento del cielo, il bagliore del fiume, gli alberi spogli, le case dall’aspetto desolato, la sorprendente staticità del tutto fanno quasi sentire quel senso di pesantezza, di placida e serena noia, che a volte la natura riflette su noi, o forse noi su di lei, racchiudendoci in uno strano torpore di sonno, di silenzio”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...