spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo straordinario autore dei grandi manifesti del cinema nella collezione “Autoritratti”

    Il pittore ripolese Silvano “Nano” Campeggi, ha donato alla Galleria degli Uffizi il proprio autoritratto, dipinto nel 1979. Effettivamente si tratta di un “doppio” autoritratto, perché nella parte anteriore dell’acrilico su tela, delle dimensioni di un metro per ottanta centimetri, l’artista si è ritratto di spalle, mentre nella parte posteriore della tela “Nano” Campeggi mostra il proprio volto.

     

    Ottenuta l’approvazione ministeriale, l’opera entrerà a tutti gli effetti a far parte della collezione degli Autoritratti della Galleria degli Uffizi, la più antica e la più grande al mondo. La cerimonia di donazione si è svolta nell’ufficio della Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini, alla presenza, oltre che di quest’ultima, anche di Antonio Natali (Direttore degli Uffizi), di Giovanna Giusti (Direttrice del dipartimento pittura dell'Ottocento, dell'arte contemporanea e degli arazzi) e dello stesso Campeggi, accompagnato dalla signora Elena.

     

    Campeggi, che ha da poco compiuto 90 anni con grandi feste da parte di tutta la comunità ripolese, è autore dei manifesti di film entrati nella storia del cinema mondiale quali Bambi, Ben Hur, Casablanca, Il principe e la ballerina e Via col vento. Campeggi ha dipinto Marylin Monroe con i colori di Bagno a Ripoli, dedicando alla star americana, che egli incontrò di persona, quadri, litografie e mostre.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...