spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nascite, Bagno a Ripoli va in controtendenza: +14% nell’ultimo anno

    Dai 138 bebè del 2020 ai 157 del 2021, la maggioranza sono femmine. Il sindaco: "Segnale di fiducia, sempre più famiglie vogliono crescere qui"

    BAGNO A RIPOLI – Nascite, è una cicogna in controtendenza quella che solca i cieli di Bagno a Ripoli.

    Comune che nel corso del 2021 ha registrato un notevole balzo in avanti sul fronte bebè.

    I nuovi nati residenti sul territorio comunale sono stati 157, rispetto alle 138 nascite registrate all’anagrafe del Comune nel corso del 2020.

    Un incremento di circa il 14%, che riporta la natalità ripolese ai livelli di alcuni anni fa, dopo la diminuzione costante registrata nel triennio pre-pandemia.

    “Stiamo tornando – dice il sindaco Francesco Casini – ai vecchi livelli di natalità, è un segnale di fiducia verso il futuro”.

    “Un comune – tiene a dire – dove i bambini nascono è un comune dove si pensa di crescere, dove si riconoscono elementi di qualità della vita per creare e radicare una famiglia”.

    “Lo conferma anche il trend della popolazione – rimarca il primo cittadino – che torna a crescere con quella che sembra una positiva inversione di tendenza”.

    Tra i 157 nuovi nati nel 2021, 30 hanno almeno un genitore straniero, 81 sono le bambine, 76 i maschietti.

    La maggior parte, 107, sono nati sul territorio comunale, all’ospedale Santa Maria Annunziata o a casa, 48 in strutture fuori comune, 2 all’estero.

    Tra i nomi, per le bambine il più gettonato è Sofia (4 preferenze), tra i bambini Leonardo (6).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...