spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nubifragio del 15 e tempesta del 18 agosto: il sindaco Francesco Casini fa il punto su Bagno a Ripoli

    "Sulle strade pubbliche si sono registrati oltre 30 alberi ad alto fusto caduti a terra". Ordinanza per la chiusura di parchi e giardini

    BAGNO A RIPOLI – Emergenza su emergenza. Sfibrante per cittadini esausti dopo il nubifragio di Ferragosto.

    Al quale si è aggiunta la tempesta di stamani, giovedì 18 agosto. E l’allerta meteo ancora in vigore fino a domani sera alle 20.

    E’ il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, a fare il punto complessivo di una situazione a dir poco delicata.

    “Mentre proseguono le operazioni di rimozione di detriti e rifiuti – inizia – all’emergenza alluvione a fine mattina si è aggiunta una seconda emergenza maltempo causata da una tromba d’aria che ha coinvolto una bella porzione di Toscana tra cui il Chianti e ancora di nuovo il nostro comune”.

    “Sulle strade pubbliche – fa sapere – si sono registrati oltre 30 alberi ad alto fusto caduti a terra che hanno creato davvero non pochi problemi alla viabilità. Criticità risolte grazie al pronto intervento di operatori e forze dell’ordine”.

    A tal proposito, rende nota una ordinanza: “Restano tuttavia problemi e serve ancora massima attenzione nei parchi e giardini. Attenzione massima dunque ed evitare di stazionare sotto alberature che sono tutte ancora in fase di verifica post vento fortissimo. In attesa di terminare la verifica attraverso apposita abbiamo emesso una ordinanza che ha interdetto temporaneamente l’accesso a parchi e giardini”.

    “La tromba d’aria – continua – ha rallentato le operazioni di sistemazione delle zone alluvionate che sono andate comunque avanti, grazie agli operatori comunali, ai volontari presenti (veri angeli a cui va il nostro grazie più sentito per il tempo che ci hanno donato)”.

    “Grazie anche al personale di Alia – aggiunge Casini – (erano 20 operatori stamani solo a Grassina dove sono stati raccolti e portati a discarica 130 tonnellate di rifiuti) e di Publiacqua (cinque le autocisterne con autospurgatore messe a disposizione dal gestore del sistema idrico per sistemare le caditoie) oltre a numerose nuove ditte che stanno intervenendo con idropulitrici e spazzatrici per togliere materiali e fango”.

    La situazione stamani a Grassina

    “Contemporaneamente – prosegue ancora – si è provveduto anche al ripristino di frane e smottamenti in varie zone del territorio comunale. I torrenti tracimati sono tutti risistemati già da ieri grazie al lavoro del Consorzio di bonifica”.

    Nel capitolo delle cose da fare: “Alcune zone di Grassina sono state completamente ripulite, in altre ancora devono essere rimossi i rifiuti e conseguentemente il fango. Alia proseguirà il lavoro di rimozione rifiuti (fino a che ce ne saranno anche nei prossimi giorni) e via via le strade saranno pulite dal fango grazie alle ditte con spazzatrici, idropulitrici e grazie ai volontari di protezione civile con idrovore”.

    “Altra criticità a seguito della tromba d’aria è (ancora adesso) anche la mancanza di corrente – rimarca Casini – I referenti di Enel ci stanno informando dei lavori delle squadre ma numerosi alberature si sono abbattute su tralicci e i guasti sulla rete sono molti. In serata dovrebbe essere tornata a quante più famiglie e aziende possibile”.

    Indicazioni specifiche: “Importante per i residenti via Calamandrei (ma anche per le altre vienche necessitano di essere pulite con idrospazzatrice):necessario spostare tutte le auto per permettere domani mattina presto le operazioni di rimozi one rifiuti presenti in strada”.

    Poi, conclude guardando a stasera: “mergenza ulteriore prevista per stanotte tra le 23 e le 1. Come detto sono stati ripuliti tutti i torrenti ed eliminati detriti portati dall’esondazione. Pulite quante più caditoie, tombini e strade possibile, ma i lavori non sono ancora terminati. Sistemati sacchi e paratie nei punti più fragili. Lo stato di allerta è alto e non tutte le strade però saranno pulite entro stasera. Serve dunque massima attenzione e il centro operativo comunale resta aperto senza sosta. Per info e chiamate 0556390208 – 0556390222 in orario diurno 055631111 in orario serale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...