spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Nuovo plesso scolastico in via Belmonte, dal Recovery Plan in arrivo 2,3 milioni di euro”

    L'annuncio del sindaco Casini: "Si aggiungeranno ai 2,5 milioni già previsti nel nostro piano triennale per il plesso scolastico dell'infanzia 0-6 anni"

    BAGNO A RIPOLI – “Una notizia bellissima per il nostro comune: il Ministero dell’istruzione ha approvato in via provvisoria la graduatoria per il finanziamento di asili e scuole dell’infanzia e tra questi c’è anche il nuovo plesso scolastico dell’infanzia da 0 a 6 anni di Via di Belmonte!”.

    Lo annuncia il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini.

    “Ben 2,3 milioni di euro in arrivo dal Governo – aggiunge – (nella cornice dei fondi del Recovery Plan europeo) che si andranno ad aggiungere ai 2,5 milioni già previsti nel nostro piano triennale per la costruzione in project financing del nuovo asilo nido di fronte alla biblioteca comunale”.

    “Un progetto bellissimo – rivendica – sostenibile (anche nelle dimensioni) e immerso nel verde che affineremo con tutta la comunità scolastica”.

    “La nuova scuola 0-6 anni – dice ancora il sindaco – sia il nido che l’infanzia, andrà a potenziare i servizi scolastici dando una risposta in più alle richieste per la frazione di Grassina”.

    “Era una promessa – conclude – e oggi, grazie a questo finanziamento, inizia a diventare realtà. Presto potrò darvi più dettagli, intanto grazie a chi ha lavorato per raggiungere questo bellissimo risultato!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...