spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fra Bagno a Ripoli e Impruneta. E otto aziende ripolesi dell’olio nella Guida Slow Food

    BAGNO A RIPOLI –  Continua il percorso di valorizzazione della produzione locale di olio extravergine di oliva con il Progetto Vpl, cofinanziato dalla Camera di Commercio di Firenze e rivolto alle aziende produttrici di olio extravergine di oliva Igp Colline di Firenze dei territori di Impruneta e Bagno a Ripoli, e Dop Chianti Classico, frutto della collaborazione fra Qualitas Forum srl e i Comuni di Bagno a Ripoli e Impruneta: un progetto che si snoderà nell'arco di due mesi e mezzo, da ora alla vigilia di Natale, con un'appendice anche nel 2014.

     

    “Otto aziende agricole di Bagno a Ripoli figurano nella Guida Slowfood 2013 dei migliori oli italiani, un successo senza precedenti che ci inorgoglisce. E adesso andiamo oltre: non ci fermeremo – hanno dichiarato il sindaco Luciano Bartolini e l'assessore allo sviluppo locale Alessandro Calvelli – Il progetto mira a costruire validi canali commerciali per uno dei prodotti principe dei nostri territori, l'olio appunto. L'organico programma di incontri ed azioni è volto a favorire una nuova cultura del gusto e una maggior consapevolezza del concetto di qualità tra i cittadini, i ristoratori locali e gli operatori esteri impegnati nel settore food, così da declinare il concetto di tipicità in termini di sviluppo e valorizzazione del lavoro agricolo”.

     

    Il 17 ottobre 2013 a Impruneta "Oltre i confini", seminario per produttori locali sui temi dell’internazionalizzazione – Degustazione finale: l'8 novembre 2013 a Impruneta "Comunità delle fornaci: evento culturale".

     

    Il 16 e 17 novembre a Bagno a Ripoli "Prim.Olio", mostra mercato della produzione di olio 2013 con la partecipazione di aziende di Impruneta e Bagno a Ripoli. Tavola rotonda: "Olio e salute", in collaborazione con Slow food, con l’intervento di giornalisti, medici, esperti di produzioni agroalimentari.

     

    Dall'1 al 3 dicembre, a Bagno a Ripoli (Antico Spedale del Bigallo) tre giorni di promozione alla presenza di operatori esteri, premiazione degli oli vincitori di Prim.Olio; visita guidata degli operatori stranieri ai frantoi; serata gastronomica gestita da cuochi di fama finalizzata alla sensibilizzazione e conoscenza delle proprietà dell’olio extravergine d’oliva, del suo utilizzo, delle ricette tipiche e innovative rivolta a ristoratori e operatori esteri. Stand dei produttori locali certificati Igp Colline di Firenze e dei produttori di derivati dell’olio; Incontri bilaterali dei produttori locali con operatori esteri.

     

    Il 14 dicembre 2013 a Bagno a Ripoli, Oratorio di Santa Caterina, "L’oro della terra: l’olio nella storia". Dissertazione a cura di Stefano Cicali. Dal 16 al 22 dicembre a Impruneta "Olive Oil week", settimana della valorizzazione delle produzioni locali dell’olio nei ristoranti dell’area fiorentina.

     

    Trasversalmente a queste attività sarà realizzato materiale informativo cartaceo e multimediale sull’olio. In particolare il sito web conterrà un’area riservata accessibile a produttori e operatori esteri finalizzata all’incontro domanda offerta dei prodotti. Sarà inoltre progettata una "Olive oil week" all’estero da realizzare nel 2014.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...