spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il gioco per imparare l’orientamento, ai Ponti: arriva la giornata dell’orienteering

    L'associazione Asd Firenze Orienteering ha consegnato al Comune la mappa per l'attività dell'11 maggio

    BAGNO A RIPOLI – La mappa per imparare a orientarsi e la giornata mondiale dell'orienteering. E' stato il presidente dell'associazione Asd Firenze Orienteering Pierluigi Cantini a consegnare al Comune di Bagno a Ripoli, nelle mani del sindaco Francesco Casini e dell'assessore allo sport Enrico Minelli, la mappa che servirà in occasione del World Orienteering Day, in programma mercoledì 11 maggio.

     

    L'attività proposta è una prova ai giardini I Ponti di Bagno a Ripoli” riservata ai bambini della scuola elementare "Anna Maria Enriquez Agnoletti". Due classi quarte parteciperanno ad un nuovo gioco/sport, orientandosi per i giardini per trovare alcune lanterne, ovvero piccole “rificolone” con un punzone che servirà a ciascun allievo per forare (punzonare) i propri fogli gara.

     

    "Il gioco consisterà nel trovare le lanterne, segnate sulla carta dei giardini I Ponti che i giocatori riceveranno alla partenza – spiegano gli organizzatori – La gara si svolgerà con calma e senza affollamenti perché i concorrenti partiranno distanziati l'uno dall'altro almeno da un minuto. Il gioco non è solo di velocità, ma soprattutto di attenzione ed osservazione per riconoscere e scoprire le lanterne evidenziate sulla carta da un cerchio. Le punzonature sono previste in ordine e in caso di errore porteranno ad una penalità. I vincitori saranno coloro che avranno compiuto il percorso in meno tempo e senza penalità".

     

    “Bagno a Ripoli sempre pronta all'innovazione, anche in tema di sport e di giochi – dicono Casini e Minelli -: con la consegna della mappa, con il sostegno del Comune all'associazione Firenze Orienteering e con l'iniziativa del prossimo mercoledì 11 maggio ai Ponti, la nostra comunità entra ufficialmente nel mondo dell'orienteering, disciplina sportiva nata all'inizio del '900 nei Paesi Scandinavi, ma riconosciuta in Italia solo alle metà degli anni '80.

     

    Da sempre questa amministrazione assegna fondamentale importanza alle componenti sportive e motorie dell'educazione e all'utilizzo della dimensione ludica quale chiave d'accesso ad una conoscenza sana e completa sia del proprio corpo, sia del territorio: in questa nostra filosofia e tradizione, sta la volontà, che oggi concretizziamo, di far conoscere ai nostri ragazzi, ma anche agli adulti, una disciplina in grado di coniugare attività fisica, gioco e conoscenza del paese e della comunità in cui si vive”.

     

    “L'orienteering è uno sport di conoscenza dell'ambiente e di quanto ci circonda –  spiega Cantini -, uno sport particolarmente utile nell'epoca attuale, in cui non sempre è facile orientarsi nel nostro stesso mondo. Oggi l'orienteering arriva a Bagno a Ripoli attraverso la carta per conoscere il territorio. La nostra associazione collabora con il territorio fiorentino da diversi anni: questa carta dell'area ripolese dei Ponti e zone adiacenti rappresenta materialmente un invito alla riappropriazione del territorio attraverso la presa di coscienza e la visualizzazione del verde che ci circonda e di cui possiamo consapevolmente godere. L'orienteering vi aspetta mercoledì 11 maggio ai Ponti per il World Orienteering Day. L'auspicio è che questo evento porti anche a Bagno a Ripoli nuovi incontri ed interventi sia per i cittadini, sia per il territorio nel suo complesso”.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...