spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Orti urbani a Bagno a Ripoli assegnati dal Comune a 18 contadini “per passione”

    Consegnate le "chiavi degli orti". Il sindaco Casini: “Occasione di socialità per tutta la comunità. Si coltiveranno ortaggi ma soprattutto rapporti umani”

    BAGNO A RIPOLI – L’assegnazione degli orti comunali, realizzati dall’amministrazione attraverso l’adesione al progetto della Regione “Centomila Orti in Toscana” che ha previsto l’utilizzo e la riqualificazione di terreni pubblici incolti per la realizzazione di orti urbani, si è svolta ieri pomeriggio alla presenza del sindaco Francesco Casini e del vicesindaco Paolo Frezzi.

    Accanto a loro, alla consegna delle “chiavi dell’orto”, i rappresentanti delle associazioni del territorio che supporteranno il Comune nella gestione dell’area, facendo da tramite e coordinamento con gli assegnatari: Auser Bagno a Ripoli, che farà da capofila, l’associazione La Rosa dei Venti Aps e Legambiente Bagno a Ripoli.

    18 appezzamenti ampi quasi 4.000 mq in totale, riuniti nell’Orto nel Bosco, come è stato chiamato, ospitato al giardino “Nano Campeggi” ai Ponti, nel cuore della frazione capoluogo.

    Diciotto persone tra donne e uomini di tutte l’età, dai 30 ai 70 anni e oltre, grande passione per l’agricoltura e tanta voglia di iniziare a fare l’orto. Sono i contadini per passione che da oggi potranno iniziare a coltivare gli orti urbani di Bagno a Ripoli.

    “Occasione di socialità per tutta la comunità. Si coltiveranno ortaggi ma soprattutto rapporti umani” dichiara il sindaco Francesco Casini.

    “Ortaggi, verdure, ma soprattutto rapporti umani: i nuovi orti urbani – dichiarano il sindaco Casini e il vicesindaco Frezzi – saranno un luogo per coltivare relazioni e socialità, accanto all’attività rurale che ovviamente sarà centrale. Proprio per questo gli appezzamenti, che sorgono a due passi dal parco pubblico, sono stati progettati senza divisioni tra loro, allo scopo di potenziare una gestione il più collaborativa possibile”. 

    “Inoltre – dichiarano – gli ortisti potranno organizzare eventi e iniziative aperte alla cittadinanza, dedicate al tema dell’agricoltura urbana e non solo. Infine, abbiamo voluto destinare 4 orti fuori terra, accessibili anche alle persone con disabilità, a progetti con finalità sociale, che saranno coordinate e organizzate dalle associazioni che gestiscono l’Orto nel bosco”.

    “Come si vede – proseguono dall’amministrazione – abbiamo voluto creare un luogo che estendesse il più possibile a tutta la comunità il concetto di cura della terra. Un grande augurio di buon lavoro ai 18 assegnatari, donne e uomini ripolesi di tutte le età. 

    “Un ringraziamento – concludono Casini e Frezzi – ad Auser, Rosa dei Venti e Legambiente che supporteranno il Comune con la gestione degli orti, e alla Regione Toscana ideatrice del bando”.

    Gli spazi, a cui si accederà da via Pizzi, sono dotati di presa d’acqua per l’irrigazione e possono essere coltivati solo per uso familiare. Ogni ortista potrà avere un aiutante che lo supporti nella coltivazione.

    Il regolamento degli orti è stato realizzato da Comune in collaborazione con le associazioni e gli ortisti. L’assegnazione, avvenuta attraverso una graduatoria tramite bando pubblico, sarà rinnovata periodicamente, la concessione avrà durata di tre anni. Gli assegnatari degli orti saranno tenuti al pagamento di una piccola quota annuale di gestione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...