spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Santa Maria Annunziata: consegnati i primi 86 posti del parcheggio per i visitatori

    La Asl Toscana Centro: "Aperto al pubblico da qualche giorno. Proseguono spediti i lavori di riqualifica per la restante area di sosta. In totale 240 stalli"

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) –  Consegnata da Società Autostrade la prima parte dei parcheggi per i visitatori dell’ospedale dell’ospedale Santa Maria Annunziata, nell’area corrispondente alla cosiddetta prima fase dei lavori.

    “Con un anticipo di qualche settimana rispetto alla tabella di marcia – fanno sapere dalla Asl Toscana Centro – l’area con una capacità di circa 86 posti, è stata resa disponibile al pubblico già da qualche giorno”.

    “Il completamento dei lavori in anticipo sulla prima fase del parcheggio – proseguono – consente ora di accorpare in un’unica soluzione, garantendo una maggiore celerità nella riqualifica complessiva dell’area, le due successive fasi dei lavori”.

    La restituzione dei posti auto dell’intera area del parcheggio sarà progressiva nel corso dei prossimi mesi e metterà a disposizione 240 posti auto.

    “Intanto – rimarcano dalla Asl TC – il Comune si sta adoperando per garantire una sistemazione provvisoria nell’area di via Belmonte, così da recuperare posti auto, contenere i disagi per gli utenti dell’ospedale e portare a conclusione anche il percorso pedonale che collega via Belmonte con la zona ospedaliera”.

    “Per la fine del mese e l’inizio di maggio – concludono – è prevista la nuova viabilità nota come by pass di via dell’Antella che consentirà di proseguire i lavori della viabilità nell’area davanti all’ospedale”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...