spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Santa Maria Annunziata: identificato presunto responsabile incendio del 10 novembre

    Si tratta di un uomo di 63 anni che avrebbe voluto rimanere nel pronto soccorso per trovare riparo. E che, una volta allontanato, avrebbe appiccato le fiamme

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – I carabinieri della Stazione di Grassina, in seguito agli accertamenti eseguiti dopo l’incendio di un box contenete rifiuti avvenuto lo scorso 10 novembre presso l’ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri, hanno identificato e denunciato in stato di libertà il presunto autore.

    Si tratta di un 63enne italiano, della provincia di Napoli.

    Nella mattinata del 10 novembre scorso, alcuni operatori dell’elisoccorso che lavoravano nei locali tecnici vicini al pronto soccorso, avevano notato proprio vicino al DEA della struttura sanitaria delle alte fiamme propagarsi da un box metallico contenente rifiuti.

    L’intervento degli operatori antincendio e dei soccorsi aveva impedito il propagarsi delle fiamme. E, quindi, ulteriori e più gravi conseguenze.

    Dopo aver acquisito la denuncia formalizzata dal personale della struttura, i carabinieri di Grassina hanno dunque iniziato ad eseguire una serie d’accertamenti: per quello che fin da subito era apparso un incendio doloso e non un evento accidentale.

    Le indagini hanno consentito di identificare il presunto autore del gesto, che quella mattina si trovava all’interno del pronto soccorso, intenzionato a rimanervi per trovare riparo non avendo a disposizione una casa.

    L’uomo, che aveva trascorso lì tutta la notte, avrebbe reagito in modo molto negativo alla richiesta del personale di sicurezza dell’ospedale di non sostare più nella struttura.

    E, dopo diversi inviti ad allontanarsi, utilizzando una sigaretta e un accendino che aveva con sé, avrebbe deciso di appiccare il fuoco ad un box metallico contenente rifiuti sanitari, dileguandosi a piedi.

    La posizione dell’uomo identificato, che si trova nel carcere di Sollicciano per altri fatti avvenuti nei giorni successivi all’incendio, sarà ora posta al vaglio dell’autorità giudiziaria.

    Che valuterà gli addebiti contestati dai militari dell’Arma dei carabinieri.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...