spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una vera e propria “moltiplicazione” rispetto alle cinque candidature del 2009

    BAGNO A RIPOLI – Nel 2005 furono cinque, ma alle amministrative 2014 i candidati sindaco a Bagno a Ripoli si sono quasi raddoppiati.

     

    Saranno infatti ben otto quelli che andranno alle urne domenica 25 maggio, sostenuti in totale da undici liste.

     

    Eccoli nel dettaglio: Francesco Casini (Pd, Guarda Avanti!, Sel, Riformisti per Bagno a Ripoli), Beatrice Bensi (Cittadinanza Attiva), Quirina Cantini (MoVimento 5 Stelle), Daniele Locardi (Insieme per Bagno a Ripoli), Massimo Mari (Forza Italia), Simone Faini (Partito dei comunisti lavoratori), Roberto Travagli (Rifondazione comunista e Comunisti italiani), Michele Barbarossa (Fratelli d'Italia).

     

    Negli ultimi giorni infatti hanno raccolto le firme per presentare i loro candidati anche il Partito comunista dei lavoratori, Rifondazione e comunisti italiani, Fratelli d'Italia.

     

    Per un panorama davvero frastagliato, una "esplosione" di candidature. Che gli ottimisti sperano porti idee diverse e possibilità di scelta.

     

    Ma che i più realisti indicano solo nella volontà di portare avanti, ciascuno, la propria "bandierina"… .

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...