spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per il giorno dei defunti, una visita speciale (di notte) al Cimitero Monumentale di Antella

    Le speciali foto, le prime mai realizzate di notte all'interno del cimitero, offrono una visione del tutto particolare e singolare di quella che è una vera e propria città

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – In occasione della giornata del 2 novembre, giorno dedicata dalla Chiesa alla commemorazione dei defunti, la Misericordia dell’Antella vuole rendere omaggio ai defunti qui sepolti offrendo la possibilità di fare uno speciale viaggio notturno al Cimitero Monumentale, il secondo cimitero monumentale d’Italia.

    Le speciali foto, le prime mai realizzate di notte all’interno del cimitero, scattate dal giornalista Franco Mariani, offrono una visione del tutto particolare e singolare di quella che è una vera e propria città sia per dimensioni che per numeri dei defunti qui sepolti.

    Molto suggestive le foto relative alle parti nuove, quelle realizzate negli anni Settanta, in cemento armato.

    E quella degli anni Duemila, realizzata dall’architetto Adolfo Natalini, con all’interno  varie cappelle le opere d’arte di Albino Americo Mazzotta.

    Queste ultime foto sono state scattate da Emanuele Camici.

    La speciale galleria fotografica è visibile integralmente collegandosi alla pagina Facebook della Misericordia dell’Antella a questo link.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...