spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pineider, esternalizzazioni ed esuberi: a Firenze sciopero e presidio di protesta Filcams Cgil

    L'azienda occupa più di 30 persone, ed ha sede a Vallina: comunicati esuberi per circa un terzo del personale. La protesta dei lavoratori e del sindacato

    FIRENZE – “Esternalizzazioni di produzione ed esuberi in Pineider, dal 1774 una delle eccellenze fiorentine nell’incisoria, nella stampa a rilievo, e anche nella pelletteria e nell’oggettistica”.

    Lo fa sapere Filcams Cgil: “Ieri l’azienda (controllata da Rovagnati da cinque anni) ha comunicato al tavolo con Filcams Cgil e istituzioni di Bagno a Ripoli l’intenzione di esternalizzare alcune produzioni”.

    Tra cui, dice ancora il sindacato, “si teme, la stamperia, cuore storico dell’azienda) e creare così 9 esuberi di personale”.

    Parliamo in tutto, fra lavoratori e lavoratrici dell’azienda di oltre 30, tra lo stabilimento di Vallina e il negozio in piazza Rucellai a Firenze.

    Così proprio oggi c’è stato uno sciopero di lavoratori e lavoratrici, con un presidio davanti al negozio in piazza Rucellai a Firenze.

    “Chiediamo all’azienda – ha detto Chiara Liberati di Filcams Cgil – di rinunciare all’intenzione di creare esuberi esternalizzando, e di non svuotare un marchio storico fiorentino riducendo la qualità delle produzioni tipografiche”.

    “Lavoratori e lavoratrici – rimarca – soffrono per il rischio di perdere il lavoro ma anche per quello di veder svilito un brand iconico. Vogliamo proteggere non solo i posti di lavoro ma anche una eccellenza dell’artigianato del lusso fiorentino che rischia di essere svuotata di qualità e competenze”.

    “Questa vertenza è una ferita per Firenze – conclude – Pineider è Firenze e, verso le prossime mosse dell’azienda, interesseremo le istituzioni locali. Senza risposte la mobilitazione andrà avanti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...