spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Più moderna, ecologica e colorata: inagurata la “nuova” scuola Masi di Bubè

    Sistemati spazi esterni, tetto, facciate e illuminazione (solo Led). Dal Comune 75mila euro

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Le pareti con i colori dell’arcobaleno. Il giardino riqualificato e una nuova copertura per il tetto. All’interno, solo luci Led per aule sempre più ecologiche e moderne.

    È pronta per la prima campanella con un volto nuovo la scuola dell’infanzia “Manuela Masi” di Bubè, a Grassina.

    La struttura fresca di restyling è stata inaugurata stamani, mercoledì 6 settembre, in vista della partenza del nuovo anno scolastico.

    Dal sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, dall’assessore alla scuola Francesco Pignotti e dalla dirigente dell’IC Caponnetto Maria Luisa Rainaldi, alla presenza dei tecnici del Comune, degli insegnanti e dei rappresentanti dei genitori.

    Dal Comune sono stati stanziati 75mila euro per rinnovare l’edificio e l’area esterna.

    Se le pareti colorate sono il segno più evidente della riqualificazione, la scuola è stata dotata di un tetto nuovo, il giardino è stato risistemato ed è stata completata la “rottamazione” dei vecchi corpi illuminanti, con la sostituzione delle lampade ad alto consumo energetico con punti luce a Led, moderni ed ecologici.

    “La scuola – hanno commentato il sindaco Casini e l’assessore Pignotti – è pronta a dare il benvenuto alle bambine e ai bambini con ambienti più confortevoli e più belli”.

    “Solo uno dei tanti interventi svolti in estate in tutti i plessi del territorio – concludono – un lavoro incessante per migliorare le nostre scuole, una priorità per la nostra amministrazione”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...