spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Plogging nei giardini, “nursery” degli alberi e premio ai cittadini “ricicloni”: torna la Festa dell’Ambiente

    Da oggi, una settimana di appuntamenti promossi dal Comune ripolese per diffondere buone pratiche di ecologia e sostenibilità

    BAGNO A RIPOLI – Il plogging per pulire i giardini correndo, i laboratori con le api per scoprire i segreti di questi insetti fondamentali per la vita sul pianeta, la “nursery” degli alberi per insegnare ai più piccoli a coltivare piante.

    E poi, il premio ai cittadini ricicloni e la pulizia collettiva dei parchi.

    Conto alla rovescia per la Festa dell’Ambiente di Bagno a Ripoli, una settimana di appuntamenti al via da oggi, martedì 24 ottobre, organizzati dal Comune di Bagno a Ripoli per promuovere la cultura della sostenibilità.

    “Torna in versione extra-lage la nostra Festa dell’Ambiente, con tante iniziative dedicate agli studenti e a tutti i cittadini – afferma il sindaco Francesco Casini – La natura e l’ambiente sono patrimonio di tutti. E di tutti deve essere l’impegno a prendersene cura, dalle scelte della politica e delle istituzioni fino ai gesti virtuosi dei singoli cittadini. Teniamo moltissimo al coinvolgimento delle ragazze e dei ragazzi delle nostre scuole, protagonisti di un presente e un futuro di sostenibilità”. 

    “Ogni anno – dichiara l’assessore all’ambiente Enrico Minelli – la nostra Festa cresce come occasione di partecipazione e condivisione delle buone pratiche della sostenibilità e dell’ecologia. Tra le tantissime attività in calendario, anche un incontro per fare il punto sulla nascita della prima comunità energetica a cui hanno aderito centinaia di cittadini. Oltre all’atteso riconoscimento per i “gran conferitori” che premia chi ha riciclato più rifiuti all’ecocentro di Campigliano, con sconti e vantaggi in bolletta”. 

    Le iniziative della Festa dell’Ambiente si svolgono in collaborazione con Alia Servizi Ambientali SpA, l’Associazione regionale produttori apistici toscani (ARPAT), Legambiente, Angeli del Bello e Associazione Roberto Frezza – Never back down. 

    Di seguito il programma integrale giorno per giorno.

    Martedì 24 ottobre

    “Conoscere le api”, in collaborazione con A.R.P.A.T. – Mattina al Parco urbano di Grassina con gli alunni della scuola Marconi, nel pomeriggio al Giardino “Silvano Nano Campeggi” ai Ponti con gli alunni della scuola Agnoletti. 

    Mercoledì 25 ottobre

    Plogging su percorsi nel capoluogo con la scuola Granacci.

    Comunità energetiche rinnovabili: aggiornamento del Progetto pilota a Bagno a Ripoli (ore 18.30 collegamento al seguente link https://meet.goto.com/359414133).

    Giovedì 26 ottobre

    “La dispensa delle api”: piantumazione di lavande ed altre essenze officinali presso l’Oratorio di Santa Caterina con gli studenti della scuola Redi e la collaborazione di A.R.P.A.T.

    Venerdì 27 ottobre

    “La nursery degli alberi”: consegna di piantine di alberi autoctoni agli alunni della scuola Frizzi di Rimaggio per la realizzazione di laboratori ambientali. 

    Sabato 28 ottobre

    Premiazione “Gran conferitore 2023”: ore 10.30, Centro di Raccolta Campigliano in collaborazione con Alia Servizi Ambientali S.p.A.

    Pulizia parchi e giardini del territorio.

    Ore 9.30, pulizia Giardini di Ponte a Ema ritrovo in piazza Bacci, in collaborazione con Legambiente.

    Ore 15, ritrovo Giardino della Resistenza – Antella in collaborazione con Associazione Roberto Frezza – Never back down

    Ore 15, ritrovo Giardino I Ponti – Bagno a Ripoli in collaborazione con Angeli del Bello

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...